Cristina Chiabotto contro Fabio Fulco: «Mi ha ferita. Non è vero che non volevo una famiglia»

Giovedì 15 Novembre 2018
Cristina Chiabotto (Instagram)

“Ora è come se vivessi una seconda maturità. A 19 anni con Fabio ho vissuto un rapporto bellissimo, un legame con una persona che per me rimane intoccabile, nonostante tutto e nonostante le parole di rabbia”, Cristina Chiabotto, come riportato da Leggo.it, ha lasciato tempo fa il suo fidanzato storico, Fabio Fulco, che non ha mancato di lanciare qualche stoccatina alla sua ex mezzo stampa. L’ex miss Italia, oggi al fianco del nuovo compagno, l’imprenditore torinese Marco Roscio, torna sull’argomento: “Non mi sono sorpresa, perché è normale che una storia non finisca con un brindisi. Ma oggi ho una consapevolezza diversa, più matura e più da donna, quindi è normale per me affrontare le cose in o maniera differente”.

Maria De Filippi su Sara Affi Fella: non metto la mano sul fuoco per nessuno

Tassa sulla Coca-Cola, nella manovra un emendato votato da Lega e Movimento 5 Stelle

Non è vero, come detto dal suo ex, anche lui di nuovo accompagnato, che lei non voleva metter su famiglia: “Mi ha ferita - ha spiegato in un'intervista a "Nuovo" -  il fatto che molti mi abbiano accusata di aver lasciato, Fabio perché non volevo una famiglia. Un giorno l'avrò anche io, ma non so quando. Non c'è una regola uguale per tutti”.
Il rapporto con l’ex è comunque civile: “Com'è praticamente normale che sia, dopo la fine di una storia così importante ... Però io spero che passato questo momento difficile tra noi si possa andare oltre. In fondo la nostra storia è stata una parte della mia vita che non dimenticherò mai e che mi porterò sempre dentro, nonostante tutto”.

Ora a fianco del nuovo fidanzato è felice: “E’ stato del tutto inaspettato chiudere una storia e cominciarne un’altra. Non è semplice: ho dovuto lavorare su me stessa e ricominciare. Alla fine mi sono scoperta diversa”.

Ultimo aggiornamento: 19:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani