Coronavirus, gli negano il tampone e ingoia una busta di chiodi per farlo col ricovero in ospedale

Sabato 14 Novembre 2020 di Enrico Chillè
1
Coronavirus, gli negano il tampone e ingoia una busta di chiodi per farlo col ricovero in ospedale

Sospettava di aver contratto il coronavirus dopo aver accusato alcuni sintomi influenzali, ma nessuno gli faceva un tampone nonostante le sue pressanti richieste nel corso di alcuni giorni. Per questo motivo, un 36enne disperato ha deciso di ingoiare una busta di plastica contenente dei chiodi, allo scopo di farsi ricoverare in ospedale e sottoporsi così all'agognato test diagnostico per il Sars-CoV-2.

 

Leggi anche > Phil Collins, l'ex moglie lo accusa: «Non si è lavato per un anno, vive da eremita e puzza»

 

È accaduto ieri sera a Greenfield, cittadina in provincia di Milwaukee (Winscosin), negli Stati Uniti. Come riporta un portale locale, un 36enne si era presentato in una stazione di servizio per chiedere di chiamare un'ambulanza, dopo aver ingoiato la busta con i chiodi. Il suo obiettivo, inizialmente nascosto alla polizia e ai sanitari, era ovviamente quello di farsi fare un tampone, ma i mezzi scelti erano decisamente pericolosi.

 

Alla fine, l'uomo è stato ricoverato in ospedale per accertamenti e al momento si trova in condizioni stabili. Alla fine, l'uomo è stato sottoposto al tampone direttamente all'arrivo in pronto soccorso: l'esito è negativo, il 36enne non era entrato in contatto con il virus.

Ultimo aggiornamento: 22:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA