easyJet riduce flotta sulle tre basi italiane

Mercoledì 25 Novembre 2020

(Teleborsa) - easyJet ha informato le organizzazioni sindacali, i dipendenti e i principali partner e fornitori di servizi nel mercato italiano della propria intenzione di avviare – nei tempi e nei modi previsti dalla legge e considerate le attuali restrizioni – un processo di riorganizzazione delle operazioni in Italia per far fronte all'impatto senza precedenti della pandemia.

La compagnia aere britannica riduce la propria presenza in tutte le tre basi italiane, Milano Malpensa, Venezia Marco Polo e Napoli Capodichino. La compagnia sta dunque programmando di ridurre di 9 unità la propria flotta portando da 36 a 27 gli aeromobili basati in Italia. Nello specifico il piano prevede di ridurre da 22 a 21 gli aerei basati a Milano Malpensa, da 7 a 4 quelli basati all'aeroporto di Napoli e da 7 a 2 quelli basati presso lo scalo di Venezia.

Lorenzo Lagorio, Country Manager di easyJet Italia ha sottolineato che "ottimizzare la capacità e ridurre i costi in modo strutturale sono azioni necessarie per assicurare la sostenibilità del business nel lungo termine di easyJet, che per la prima volta ha chiuso un anno fiscale in perdita".

© RIPRODUZIONE RISERVATA