Banche in crisi, Visco: sì a intervento dello Stato in caso di rischi di sistema

Venerdì 11 Gennaio 2019
(Teleborsa) - L'intervento pubblico per salvare banche in crisi è accettabile se gli istituti di credito sono solvibili. Lo ha detto il Governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, intervenendo alla presentazione del primo volume dell'edizione nazionale degli scritti di Luigi Einaudi, citando appunto l'economista ed ex presidente della Repubblica: "Einaudi - ha detto Visco - da liberale era contrario all'intervento dello Stato, nelle imprese come nelle banche. Tuttavia egli stesso ricordava che per una banca in crisi di liquidità ma solvibile, 'tutti i pratici e tutti i teorici sono concordi nel canone: dare, dare, dare. Dare subito, dare senza esitazione, dare largamente e in modo da persuadere il pubblico che la banca presa di mira ha le spalle sicure'".

"I costi economici e sociali di fenomeni di instabilità finanziaria sistemica sono divenuti evidenti" e portano a "considerare sotto una luce diversa l'opportunità di interventi pubblici non solo per le banche illiquide ma solvibili ma anche nei casi potenzialmente in grado di pregiudicare il funzionamento del sistema nel suo complesso", ha precisato il Governatore.

"Necessari strumenti per una soluzione rapida delle crisi" - "Sono necessari strumenti adeguati e procedure ben definite che, nel nuovo contesto regolamentare europeo, consentano di intervenire in modo rapido ed efficace nelle situazioni di crisi, limitandone le conseguenze sul tessuto economico", ha continuato a proposito della vigilanza bancaria precisando che "La vigilanza bancaria riduce la probabilità che si verifichino episodi di dissesto ma non può annullarla". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma