Vodka in classe/Didattica alternativa, danni dal ‘68 ad oggi

Comunque la si giri, la storia della quindicenne in coma etilico a scuola produce un doppio effetto. Un po’ di rabbia, un po’ di depressione. Depressione perché viene da chiedersi a che punto fosse profonda la spirale di vuoto interiore per spingere una ragazzina a quasi ammazzarsi di vodka una mattina al liceo “Russel” di Roma. Poi viene la rabbia. Cinquant’anni dopo il ‘68, stiamo ancora a gingillarci con le settimane di didattica “alternativa” . Altro che fake news. Il problema sono...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Canada, bomba in un ristorante: 15 feriti, attentatori in fuga Video
Altolà del Colle: scontro sul tesoro
Totoministri: dopo l'Economia spuntano i nodi Trasporti e Telecomunicazioni Tutti i nomi
Privacy, nuove regole: buste paga e ricette mediche cosa cambia per i cittadini
La mossa dei vescovi: «Controlli anti-gay per i seminaristi»