Vodka in classe/Didattica alternativa, danni dal ‘68 ad oggi

Comunque la si giri, la storia della quindicenne in coma etilico a scuola produce un doppio effetto. Un po’ di rabbia, un po’ di depressione. Depressione perché viene da chiedersi a che punto fosse profonda la spirale di vuoto interiore per spingere una ragazzina a quasi ammazzarsi di vodka una mattina al liceo “Russel” di Roma. Poi viene la rabbia.Cinquant’anni dopo il ‘68, stiamo ancora a gingillarci con le settimane di didattica “alternativa” . Altro che fake news. Il problema sono...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Revoca concessione, governo diviso Di Maio: «Sentenza sono i 40 morti» Salvini: «Ne parleremo dopo»
Genova, si cercano 10-20 dispersi 38 le vittime Dramma sfollati
Il reportage «Non resteremo soli», la Superba Genova vuole reagire ancora L'anteprima sul Messaggero Digital
Terremoto in Molise, magnitudo 5.2 Paura al Centro-Sud, anche a Roma Gente in strada, altre scosse fino 4,5 Vasto, chiuso viadotto Histo
Sparano a un immigrato con fucile ad aria compressa, denunciati in tre