Usa, ha una relazione extraconiugale con il capo della sua scorta: si dimette la sindaca di Nashville

NEW YORK – Un altro esponente politico americano deve dimettersi per uno scandalo sessuale. Ma questa volta a pronunciare il discorso pubblico, a fare il mea culpa e chiedere il perdono degli elettori e della famiglia è una donna. Il sindaco di Nashville, Megan Barry, era una stella nascente del partito democratico. E la sua carriera sembrava assicurata, se non fosse stato che ha cominciato una relazione adulterina con il sergente a capo della sua scorta, Robert Forrest.

La signora aveva già ammesso più di un mese fa pubblicamente di aver avuto il rapporto clandestino con Forrest. Ma allora aveva deciso di non dimettersi, grazie anche al fatto che il marito Bruce le era rimasto accanto e aveva accettato di impegnarsi con lei per salvare il matrimonio.

C’era anche il fatto che la coppia ha perso l’anno scorso un figlio, ucciso da un’overdose. Il pubblico era inizialmente sembrato disposto a perdonare la trasgressione della sindachessa, proprio perché colpita recentemente da questa immensa tragedia.

Ma poi sono venuti a galla particolari aggravanti. Intanto la coppia ha intrattenuto i suoi rapporti mentre il sergente era in sevizio di scorta. E questo è un primo atto illegale. Ma poi è stato notato che le ore di straordinario di Forrest erano molto aumentate, e che aveva accompagnato il sindaco nei suoi viaggi, anche a Parigi, Atene, New York. Tutto ciò è costato ai contribuenti una cifra vicina ai 60 mila dollari.

Il procuratore distrettuale, Glenn Funk, anche lui un democratico, ha minacciato di trascinare Megan Barry in tribunale, per rispondere di appropriazione indebita. E’ stato allora che il sindaco ha patteggiato: si sarebbe dimessa per evitare il processo, avrebbe restituito la somma e avrebbe pagato una multa.

Ecco dunque l’annuncio delle dimissioni, con un discorso  tutto pieno di scuse, richiesta di perdono, dichiarazioni di amore per la propria città. Più o meno un copione che abbiamo ascoltato ogni volta che un politico ha dovuto ammettere di aver avuto rapporti extraconiugali.

Ma una differenza c’è stata: in genere accanto al fedifrago compare anche la moglie, in funzione di supporto, anche se in genere con il volto contratto dall’umiliazione o dalla rabbia. Barry accanto non aveva nessuno. Il marito Bruce è disposto a salvare il matrimonio, ma non a fare la scena di supporto davanti alle telecamere.

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Francia, il ritorno del terrore Video Spari al mercatino di Strasburgo Tre morti e 12 feriti, uno italiano
Brucia il centro rifiuti Salario a Roma Allarme nube. I pm: disastro colposo
Conte da Juncker, braccio di ferro finale. Deficit al 2,05% per evitare la procedura
Salvini in Israele: «Hezbollah terroristi islamici»
Eliminato il Napoli: Salah e Alisson spingono il Liverpool agli ottavi