Roma, in coma etilico a scuola: l'alcol comprato in un minimarket

Una bravata, si dice così. In gruppo anzi due gruppi. Poteva accadere a molti altri, più o meno ingenui. In qualsiasi altra scuola della capitale. Ma ora si prova a invertire la rotta. «Controlli più ferrei nei bagni e nel cortile». I ragazzi del Bertrand Russell escono da scuola alla spicciolata, raccontano quel che hanno loro comunicato i prof, «niente più accessi senza libretto, maggiore attenzione a quel che avviene durante la ricreazione», spiega un capannello di studenti del primo anno....

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Conte: «Avviata procedura di revoca della concessione ad Autostrade»
Il papà di Giovanni: «Mio figlio ucciso dallo Stato» Il cardinal Sepe: «Violenza dell'uomo»
I dispersi: Kristal, Mirko e gli altri In 5 ancora sotto le macerie
Cattedre alle abilitate, si rinvia il concorso per maestre laureate L'anteprima sul Messaggero Digital
Terremoto Molise, attivate più faglie Ingv: oltre 110 scosse da 14 agosto