Rigopiano, quelle 29 vite spazzate via dalla slavina

La speranza ha lasciato spazio solo al dolore. Ventinove le persone morte sotto le tonnellate di neve e macerie all'Hotel Rigopiano di Farindola. Tutti i corpi sono stati identificati, la maggior parte delle vittime era tra la hall e il bar.





Famiglie spezzate, fratelli e sorelle divisi, bimbi senza più genitori, un destino crudele e beffardo. Come lo è stato per Sara Angelozzi e Claudio Baldini, moglie e marito di Atri (Teramo), in vacanza. In un primo momento avevano disdetto la prenotazione, per poi ripensarci. E così anche per loro, sotto la valanga, non c'è stato scampo.

Non rivedrà la sua mamma nemmeno la piccola Alessandra, 5 anni, rimasta coi nonni a Monterotondo (Roma). Dal resort tornerà solo il papà, Giampaolo Matrone.
 

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Avanti su Conte, l'avviso del Colle: richiamo su conti e spread
Giuseppe Conte il giurista anti-burocrazia con un passato a sinistra
A14, Ludovica e mamma Marina: l'ipotesi della trappola per entrambe
Il negoziatore del cavalcavia: «La bimba era sotto choc, è volata giù senza reagire»
Atenei, protesta alla rovescia. I ragazzi: prof, non scioperate