Bruxelles sfida la paura: in piazza armati di gessetti colorati per lanciare un messaggio di pace

Bruxelles sfida la paura: in piazza armati di gessetti colorati per lanciare un messaggio di pace
Dopo l'orrore e il sangue della mattinata, una grande folla si è radunata nella piazza davanti alla Borsa di Bruxelles: per stare insieme, per farsi coraggio l'un...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
Dopo l'orrore e il sangue della mattinata, una grande folla si è radunata nella piazza davanti alla Borsa di Bruxelles: per stare insieme, per farsi coraggio l'un l'altro, per dare solidarietà alle vittime e ai feriti degli attentati terroristici. E lì, sotto un cielo reso ancora più grigio dall'atmosfera di morte che aleggiava in tutta la città, si sono accesi i colori della speranza e della voglia di non arrendersi alla violenza, di reagire, di dire "no". È bastato che tre amici portassero in piazza dei semplicissimi gessetti colorati e li distribuissero a chi aveva voglia di lasciare un segno della propria testimonianza.


Centinaia di persone, cittadini e turisti, hanno afferrato quei gessetti, che forse non toccavano più dai tempi della loro infanzia, e si sono chinati sull'asfalto scrivendo una frase, disegnando un cuoricino, lasciando fiori e ceri accesi. Un enorme puzzle colorato di luce, di vita e di amore sbattuto in faccia a chi semina buio, morte e odio. "Insieme, viva la pace", "Bruxelles Forever", "#PrayForBelgium" sono solo alcune delle tantissime scritte lasciate in terra, tra cui cè anche una scritta in arabo che recita "L'Islam è innocente del terrorismo". Uno stupefacente spettacolo di solidarietà che ha ricordato tante manifestazioni analoghe in occasione degli attentati di Parigi.

«Il nostro obiettivo - ha detto uno dei promotori dell'iniziativa - era far sì che chiunque volesse esprimere un pensiero potesse farlo. Ne avevamo bisogno, era troppa l'emozione che avevamo dentro». Leggi l'articolo completo su
Il Messaggero