Palazzo Borromeo, dimora dei pontefici e delle feluche

Dai papi agli ambasciatori: si può sintetizzare così la vicenda di un edificio assai poco noto, anche per la qualità degli inquilini che ha posseduto, incompatibile con aperture continue. Avrebbero potuto definirlo la Casina di Pio IV, o Palazzo Colonna a Valle Giulia (anche loro l'hanno posseduto). Ma non sarebbe stato lo stesso. S'è preferito chiamarlo Borromeo, dal cognome dei nipoti cui Pio IV Medici di Marignano lo regala, ancora incompiuto, nel Cinquecento. La scelta è del 1929: perché...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Rom, Salvini insiste sul censimento «Non mollo e vado dritto» Video Ira Ue, Moscovici: «Agghiacciante»
Il pianto disperato dei bambini migranti separati dai genitori negli Usa
Parnasi intercettato: stadio, tempi lunghi ho messo 26 milioni e ora rischiamo l'addio di Pallotta
Morto Jimmy Wopo, ucciso un altro rapper
Spaventoso schianto, tir piomba su tre auto: un morto, 10 feriti