Palazzo Borromeo, dimora dei pontefici e delle feluche

Dai papi agli ambasciatori: si può sintetizzare così la vicenda di un edificio assai poco noto, anche per la qualità degli inquilini che ha posseduto, incompatibile con aperture continue. Avrebbero potuto definirlo la Casina di Pio IV, o Palazzo Colonna a Valle Giulia (anche loro l'hanno posseduto). Ma non sarebbe stato lo stesso. S'è preferito chiamarlo Borromeo, dal cognome dei nipoti cui Pio IV Medici di Marignano lo regala, ancora incompiuto, nel Cinquecento. La scelta è del 1929: perché...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Champions League Real Madrid-Roma 2-0 La diretta
Auto travolge passanti a San Pietro: 5 feriti, 3 bambini Diretta Fb
Figli uccisi a Rebibbia, la mamma: «Ora sono liberi»
Follia sulla metro B: il rapper entra in cabina e "sequestra" il treno «Così disarmo il vigilante» E l'Atac fa partire un'inchiesta
Rai, ok Vigilanza a mozione Lega Marcello Foa verso la presidenza