Napoli, bendata e legata: cugina del pm muore durante rapina in casa. Il figlio ha sentito le urla

GUARDA IL VIDEO

Hanno messo a soqquadro l’appartamento al terzo piano, hanno preso gioielli e denaro nella cassetta di sicurezza. Ma hanno anche picchiato l’anziana e, con scotch e fascette, l’hanno bendata e imbavagliata. È questo il film dell’aggressione sfociata ieri nell’omicidio di Stefanina Fragliasso, casalinga napoletana di 76 anni, madre di quattro figli e cugina del magistrato Nunzio Fragliasso, trovata morta sul letto della casa in via Santa Lucia Filippini 176, a Gianturco, periferia industriale della città, dove la donna abitava con il marito.
 
Alle 11.25 il coniuge, Salvatore Russo, ha aperto la porta con le chiavi, senza segni di effrazione: è entrato assieme all’ultimogenito Gennaro che, per primo, ha visto in faccia l’orrore, ha urlato e ha abbracciato quel corpo massacrato. Ora si dispera: «Povera mamma mia, che cosa ti hanno fatto», piange il quarantenne sul pianerottolo, invocando giustizia. Ma c’è anche altro che tormenta quest’uomo distrutto dal dolore: alle 10.30 Gennaro Russo ha sentito strillare nello stabile, e ha avuto la sensazione che proprio sua madre avesse chiesto aiuto.

«Era in macchina con me, all’altezza di quella Madonnina, sotto il palazzo: se fossimo rientrati avremmo potuto sorprendere sul posto i rapinatori», aggiunge Salvatore, sentito dagli inquirenti nel salotto dell’appartamento accanto al suo, trasformato in centrale operativa per dare immediatamente il via alla caccia agli assassini.

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Mattarella: «Memoria dovere morale»
Striscione fascista, indagati 8 ultrà della Lazio. Identificato il capo
Siri, il ministro Costa: «Emendamenti sospetti sull'eolico, così ho respinto il pressing della Lega»
De Vito, lettera dal carcere a Raggi: «Non mi dimetto, chiedo giustizia»
L'intesa governo-insegnanti. Il contratto scuola rimane nazionale, freno all’Autonomia