Superbonus 110, verso la proroga fino a metà gennaio per la Cilas. Opzione donna cambierà così

Maggioranza in pressing sul governo per modificare alcuni punti della legge di Bilancio

Superbonus 110, proroga fino a metà gennaio per la Cilas. Opzione donna verso modifiche restrittive
Accrescere la decontribuzione per l’assunzione dei giovani da 6 a 8 mila euro. Prolungare fino a metà gennaio la possibilità di presentare la Cilas per i...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live

Accrescere la decontribuzione per l’assunzione dei giovani da 6 a 8 mila euro. Prolungare fino a metà gennaio la possibilità di presentare la Cilas per i lavori del superbonus 110%. Elevare le pensioni minime fino a 600 euro a partire dalla fascia di età tra i 75 e gli 80 anni. Rivedere Opzione donna sul pensionamento anticipato per aumentarne il bacino di utenza. Ed estendere il mese aggiuntivo del congedo di maternità ampliandolo anche alla paternità.

Pensioni minime, addio ai 600 euro

Governo a caccia di fondi aggiuntivi

Maggioranza in pressing sul governo per modificare alcuni punti della legge di Bilancio. 
Sono 617 gli emendamenti alla manovra depositati dalle forze politiche che sostengono il governo di Giorgia Meloni. Testi sui quali la maggioranza sta discutendo in vista della selezione dei circa 200 segnalati che sarebbero di sua competenza, che verranno indicati domenica prossima. Su alcune misure ci sarebbero ancora punti di vista differenti ma fonti alle prese con il dossier garantiscono che un’intesa sarà trovata. A cominciare dalle politiche per incentivare l’occupazione. In particolare, l’esecutivo è a caccia di fondi aggiuntivi per allargare la platea potenziale di lavoratori under 36 che possono essere reclutati dalle aziende grazie allo sgravio dei contributi.

Lollobrigida: «Carne e vino rimossi dagli alimenti dannosi, un successo italiano. Il Pnrr si può modificare»

Con la legge di Bilancio, infatti, il governo ha confermato il taglio, riconosciuto nella misura del 100% nel limite massimo di importo pari a 6 mila euro annui, per chi assume lavoratori che non abbiano ancora superato i 35 anni e che non sono mani stati occupati a tempo indeterminato con lo stesso o con altro datore di lavoro nel corso dell’intera vita lavorativa. L’obiettivo, che sembra ormai a portata di mano, è far salire lo sgravio a 8 mila euro. Tra i temi caldi si punta anche a prolugare il congedo parentale a 3 mesi e diverse sono le ipotesi in campo: il 100% dello stipendio al primo mese, l’80% al secondo e il 30% al terzo; in alternativa l’80% al primo mese ed i successivi al 67%, o ancora il 67% per tutti e tre i mesi. 


Sul tavolo c’è anche la questione della possibile riduzione dell’Iva sui pellet e, non ultimo, il taglio del cuneo fiscale, su cui Confindustria ha chiesto al governo uno sforzo maggiore, che alcune forze politiche vorrebbero alzare di un punto dal 2 al 3 per cento.

Pensioni minime, la Lega frena: irritazione di Forza Italia. Durigon: «Ora non possiamo alzarle»


Il capitolo pensioni

Capitolo previdenza: Opzione donna potrebbe essere nuovamente corretta. Dopo l’iniziale modifica, che legava l’età al numero dei figli e la successiva frenata con l’ipotesi di tornare alla versione originale, la versione finale del provvedimento è molto restrittiva rispetto al sistema attuale (pensione anticipata con almeno 35 anni di contributi a 58 anni per le dipendenti e 59 per le autonome).

L’anticipo pensionistico resta, ma selezionando le beneficiarie a tre categorie di donne: caregiver, cioè che assistono coniuge o parente con handicap; con invalidità civile superiore o uguale al 74%; licenziate o dipendenti di imprese con aperto un tavolo di crisi. A questo si aggiunge l’innalzamento dell’età d’uscita a 60 anni, che viene legata al numero dei figli: può essere ridotta di un anno per ogni figlio, fino al massimo di due (solo per le licenziate o dipendenti da aziende in crisi la riduzione a 58 anni è a prescindere dai figli). Un doppio paletto che limita così la platea da 17 mila a 3 mila uscite nel 2023. Per rendere meno traumatica la riforma si studia la possibilità di congelare per altri 6-8 mesi le norme attuali.

Situazione fluida in tema di pensioni minime. La maggioranza sta discutendo sulla possibilità di innalzare da subito, via emendamento, i trattamenti a 600 euro per i pensionati over 75 con Forza Italia che spinge su questo punto. 
Ma la Lega, attraverso il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, frena ricordando che i margini finanziari, al momento, non lo consentono. Anche sul superbonus trattativa in corso con la richiesta di portare a metà gennaio la domanda per presentare la Cilas.


Multe, lo stralcio in bilico: spetterà ai Comuni decidere la cancellazione delle cartelle fino a 1000 euro Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Turchia e Siria devastate 830 morti, migliaia i feriti Si scava tra le macerie, aiuti da tutta Europa
La scossa in un punto di incontro di tre placche: Est anatolica, Arabica e Africana
Drone esplode su Kaluga, a 180 chilometri da Mosca. Kiev: ministro della Difesa per ora non viene sostituito
Meloni e il caso Cospito: «Non si tratta con chi ci minaccia»
AIM-9, il missile che ha distrutto il pallone spia