Federmotorizzazione Confcommercio: tassazione auto aziendali choc per l'automotive

(Teleborsa) - Da Federmotorizzazione Confcommercio grande preoccupazione per gli effetti della tassazione delle auto aziendali: non soltanto economici, ma anche per l'ambiente....

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
(Teleborsa) - Da Federmotorizzazione Confcommercio grande preoccupazione per gli effetti della tassazione delle auto aziendali: non soltanto economici, ma anche per l'ambiente. Tassando il totale del valore dell'auto utilizzata dal dipendente per svolgere il proprio lavoro a nome dell'azienda, si prevede una riduzione del 70-80% nelle auto aziendali (già oggi assoggettate ad una disciplina fiscale penalizzante rispetto al resto d'Europa) mettendo a rischio circa 250.000 immatricolazioni (con un mancato introito fra Iva e trascrizioni di quasi 1,5 miliardi di euro).

"Con il conseguente blocco – afferma Simonpaolo Buongiardino, presidente di Federmotorizzazione Confcommercio (e Assomobilità Confcommercio Milano) – del rinnovo del parco auto circolante ed un aumento sulle nostre strade di veicoli più obsoleti ed inquinanti". "Il perché – spiega Buongiardino - è molto semplice: nessun lavoratore accetterebbe di farsi tassare per svolgere il proprio lavoro e opterebbe per l'utilizzo di un'auto propria addebitando i chilometri percorsi all'azienda. Dobbiamo considerare che in media un'azienda cambia le proprie auto ogni 3 anni, mentre un privato ogni 7-8 anni. Questa proposta di tassazione risulterebbe perciò in controtendenza con lo sforzo profuso da Regioni come, ad esempio, la Lombardia, dove viene incentivato il rinnovo dei mezzi più inquinanti a favore di altrettanti mezzi a basso impatto ambientale".

Il comparto automotive genera già ora in tasse un volume annuo per lo Stato di circa 75 miliardi, pari al 4.5% del PIL nazionale "una pressione fiscale ben più alta della media europea che è del 3%", ricorda Buongiardino.

"Al Governo – conclude Buongiardino – chiediamo un approfondito confronto tecnico assieme alle principali associazioni di rappresentanza dell'automotive". Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Auto fuori strada in Umbria, morti quattro ragazzi dai 17 ai 22 anni: tornavano da una festa di compleanno
Bollette del gas, balzo a sorpresa: a novembre +13,7%. La spesa annua di una famiglia aumenta del 63,7%
Caro-bollette e conguagli, stop alla fornitura di gas: a Roma primi condomini al freddo
«L’Ong contattò gli scafisti». Open Arms, al processo video e audio di un sommergibile della Marina
L'inchiesta sui bilanci. I pm e le “manovre” Juve: «Il covid come copertura, Elkann sapeva tutto»