Corea del Nord, Kim invita Trump: «Incontriamoci». Il presidente Usa accetta, poi ritratta: «Prima i fatti, poi i colloqui»

Kim Jong-un lancia un invito a Donald Trump: vediamoci entro maggio e parliamo di denuclearizzazione. Il presidente americano accetta, aprendo così una fase di dialogo diretto e di disgelo fra i due paesi. Un passo storico: nessun presidente americano in carica ha mai incontrato un leader nord coreano. Solo che poi, in serata, la Casa Bianca ha fatto sapere, tramite la portavoce Sarah Sanders, che «non vi saranno colloqui fino a quando la Corea del Nord non farà seguire azioni alle parole». «Abbiamo bisogno di azioni concrete e verificabili», ha aggiunto Sanders, sottolineando che gli Stati Uniti «faranno zero concessioni prima dei colloqui». Il presidente degli stati Uniti Donald Trump «non terrà l'incontro (con il leader nordcoreano Kim-Jong un ndr) prima di vedere passi concreti». ​

Kim, in una lettera recapitata a mano a Trump da una delegazione sud coreana, si impegna a fermare i test nucleari e missilistici e sedersi al tavolo per parlare direttamente per la prima volta in decenni. Le modalità dell'incontro sono tutte ancora da definire, precisa la Casa Bianca. L'annuncio dell'incontro arriva a sorpresa, in una giornata dominata dai dazi sull'acciaio e l'alluminio. E su Twitter, Trump commenta: «Sono pronto a incontrare Kim, ma le sanzioni contro Pyongyang resteranno fino a che il regime non deciderà di denuclearizzare».

Il responsabile per la sicurezza nazionale della Corea del Sud, Chung Eui-yong, appare alla Casa Bianca verso le sette di sera, dopo aver riferito al presidente americano dell'incontro con il leader nord coreano. Kim ha
«espresso entusiasmo per un incontro il prima possibile con Trump» riferisce Chung, che ha consegnato la missiva del leader di Pyonyang a Trump.

Dicendosi ottimista per una soluzione pacifica della crisi nella penisola, Chung ha lodato l'amministrazione americana: «Ho spiegato al presidente che la sua leadership e la sua pressione politica, insieme con la solidarietà internazionale, ci hanno portato a questo punto», aggiunge Chung, assicurando che la campagna di pressing su Pyongyang «continuerà fino a che la Corea del Nord non farà seguire azioni alle parole».

Il possibile incontro in via di definizione segue mesi di braccio di ferro e di insulti reciproci fra i due leader, con Trump che ha chiamato 'Rocket Man' Kim, che dal canto suo non ha mai risparmiato critiche a presidente Usa, sfidandolo soprattutto con i suoi test nucleari e missilistici. L'incontro è un passo importante nella politica estera americana, visto che Usa e Corea del Nord sono nemici da 70 anni.

Loda l'incontro l'ambasciatore nord coreano all'Onu, Pak Song II: «L'invito - dice - mostra il grande coraggio del nostro Leader Supremo. Gli Stati Uniti - aggiunge - dovrebbero sapere e capire la nostra posizione, e contribuire alla pace e alla sicurezza della penisola coreana».

Le opzioni ragionevoli per ospitare l'incontro, secondo fonti diplomatiche consultate dall'Ansa, potrebbero essere tre: Corea del Sud, Svizzera o Scandinavia. La prima, in particolare, vedrebbe come garante il presidente Moon Jae-in, di sicuro il vero vincitore del disgelo intercoreano. Tuttavia, sarebbe Trump pronto a sostenere - anche dal punto di vista d'immagine - un lungo viaggio per vedere le carte di Kim sulla denuclearizzazione, magari al villaggio di confine di Panmunjom? La seconda opzione vede Ginevra e la sede dell'Onu come sito naturale. Tra Svezia e Norvegia, la Scandinavia è un luogo consolidato di incontri informali tra funzionari Usa in servizio o ex con le controparti nordcoreane. Stoccolma ha un'ambasciata a Pyongyang e un ruolo storico di mediazione dai tempi del conflitto coreano. Di suo, la Svizzera è disponibile, fa sapere il Dipartimento elvetico degli affari esteri citato dall'agenzia di stampa svizzera Ats, spiegando comunque che spetta alle parti decidere se, quando e dove intendono condurre i colloqui.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Champions League, R.Madrid-Roma 3-0 gol di Isco, Bale e Mariano
Figli uccisi a Rebibbia, la mamma: «Ora sono liberi»
Auto travolge passanti a San Pietro: 5 feriti, 3 sono bambini
Follia sulla metro B: il rapper entra in cabina e "sequestra" il treno «Così disarmo il vigilante» E l'Atac fa partire un'inchiesta
Flat-tax sui redditi alti, non solo Ronaldo: sempre più “paperoni” scelgono l’Italia L'anteprima sul Messaggero Digital