Roma, processo di beatificazione per Chiara Petrillo

di Davide Desario
Una buona e bella notizia! Si lavora per aprire il processo di beatificazione di Chiara Corbella Petrillo
@gigidepalo

Roma potrebbe avere un santo in più. Anzi una santa: Chiara Corbella Petrillo. Oggi avrebbe avuto 33 anni. Ma il 13 giugno del 2012 il suo cuore ha smesso di battere per colpa di una tremenda malattia che lei decise di non curare subito per far nascere sano il figlio che aveva in grembo. Chiara era sposata con Enrico Petrillo. Entrambi romani, dell’Aurelio. Si conobbero a Medjugorje e poi si sposarono. Dopo pochi mesi Chiara rimase incinta. Di Maria. Una notizia fantastica. Ma purtroppo la bimba, sin dalle prime ecografie, apparve senza encefalo. Enrico e Chiara l’accolsero comunque accompagnandola alla nascita terrena e, dopo 30 minuti, «alla nascita in cielo». Qualche mese dopo, ecco un’altra gravidanza. Il bimbo, Davide, questa volta è senza gambe. La coppia scelse ancora una volta di portare avanti la gravidanza. Purtroppo, però, l’ecografia evidenziò altre malformazioni: incompatibili con la vita. Ma i due giovani hanno voluto accompagnare il piccolo fino al giorno della sua venuta alla luce.

Poco dopo la nascita anche Davide è deceduto. Un altro funerale. Ma una voglia infinita di vita. E arriva un’altra gravidanza: Francesco. E finalmente tutto va per il meglio. Ma al quinto mese una nuova croce: a Chiara viene diagnosticato un carcinoma. Non hanno avuto dubbi e hanno deciso di portare avanti la gravidanza mettendo a rischio la vita della mamma. Solo dopo il parto Chiara si è sottoposta alle cure e a un intervento chirurgico. Ma ormai era troppo tardi. Ora c’è un’intera comunità che ha chiesto di aprire il processo di beatificazione. E il processo in primavera inizierà. Una storia bellissima.

davide.desario@ilmessaggero.it

Lunedì 4 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 06-12-2017 21:39

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 41 commenti presenti
2017-12-06 11:23:13
Che bello vedere che tanti qui hanno risposte pronte e indiscutibili a domande filosofiche e/o teologiche che vengono dibattute da millenni.
2017-12-06 10:30:21
Rispondo a Motelko: non sono in grado di dire quali siano le "procedure" per divenire Santo, né tantomeno ho facoltà di farne (di Santi). Questo però è prerogativa solo di pochissime persone. Però l'esempio che dà Chiara, Enrico, questa Famiglia, a tutta la Comunità (credente o meno) è eccezionale. La forza dell'esempio, i valori.....Si vive anche di esempi, in un mondo in cui molti predicano bene e razzolano male. In tutti i campi.
2017-12-05 22:32:06
Non ho mai capito perché per essere santi bisogna subire tutte le peggiori disgrazie e malattie...
2017-12-05 22:13:11
Dispiace tantissimo per la madre, ma dopo il primo parto credo che ci siano tanti studi su casi di malformazione del feto e la loro causa. Se non avessero continuato, forse la madre si sarebbe salvata curando il proprio male. Se la Chiesa vuole beatificarla lo faccia, ma non ne vedo nessuna causa.
2017-12-05 20:46:10
I due bimbi con la mamma sono sepolti al cimitero monumentale del Verano. Ogni volta che mi reco a mettere dei fiori ai miei c'è sempre gente che prega per quella famiglia. Anche io lo faccio!!!
41
  • 3,8 mila
QUICKMAP