"United Colors", Oliviero Toscani firma la nuova campagna Benetton sull'integrazione

di Gustavo Marco Cipolla
Tutti i colori del mondo uniti in due immagini firmate dall'artista della fotografia Oliviero Toscani. Ventotto bambini, ritratti all'interno della loro classe mentre sorridono e si divertono, sono i protagonisti della nuova campagna lanciata da Benetton che rinnova il suo storico impegno a favore dell'integrazione. Con uno sguardo rivolto al futuro e alle nuove generazioni. Una mission per il gruppo che con i suoi "United Colors" ha sempre cercato di andare oltre la moda, mescolando ai nuovi trend l'interesse per il sociale. Tredici nazionalità differenti per i bimbi tutti intenti ad ascoltare la maestra che legge le intramontabili avventure di Pinocchio. E loro, con gli occhi affascinati dalla storia del burattino di legno e dalle sue mille peripezie, osservano attenti le illustrazioni del libro.
 
 


«Il problema del mondo attuale è l’integrazione » spiega Oliviero Toscani che aggiunge «il futuro si giocherà su quanto e come sapremo usare la nostra intelligenza per integrare il diverso, superando le paure». Dal Burkina Faso al Senegal, passando per le Filippine fino all'Italia, il viaggio fotografico di Toscani è fatto dai volti gioiosi dei piccoli, cogliendone gli attimi più suggestivi durante un consueto giorno di lezione a scuola. Le prime due immagini, che saranno diffuse dagli inizi di dicembre, appartengono in realtà ad un progetto più ampio sull'integrazione curato da "Fabrica", il centro di ricerca sulla comunicazione del gruppo Benetton che individua tematiche di interesse socio-culturale promuovendole con iniziative anche artistiche. Si tratta solo di una prima fase di collaborazione tra il celebre fotografo e il brand, poiché Toscani curerà l'immagine del marchio "United Colors of Benetton" a partire dalla campagna di product advertising che verrà lanciata dal prossimo febbraio.
Sabato 2 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 20:05

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-12-03 13:41:12
Ironia nell'ironia x questo ha scelto pinocchio, lui che deve stare attento a che non gli cresca il naso troppo in fretta. Non e' nemmeno coerente: dopo una valanga di insulti ai Veneti torna a casuccia per la paghetta di un Veneto...
QUICKMAP