Berlusconi sull'edilizia: «Sanatoria per gli abusi di necessità». Ma Salvini: «No a condoni»

«Bisogna cambiare le regole: chi deve costruire una casa o aprire un'attività commerciale, non dovrà più aspettare anni per permessi e licenze. Dovrà dichiarare l'inizio dell'attività e assumersi la responsabilità di rispettare le leggi. Solo dopo verranno i controlli». Lo afferma il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, a Radio 24. A chi gli chiede se si tratti di un condono, l'ex premier risponde: «Chiamatelo come volete, l'importante è che si cambino queste regole attuali».

Berlusconi ha poi parlato anche della questione immigrazione. «Sui migranti siamo sulla stessa linea della Lega anche se loro usano parole più dure. Noi e la Lega siamo consapevoli che questo problema non si può risolvere con il buonismo e la retorica dell'accoglienza».

Ma tema immigrazione a parte, sull'edilizia con la Lega è subito scontro: «Rilanciare l'edilizia è fondamentale, togliendo burocrazia e tagliando tasse folli come l'Imu su capannoni e negozi sfitti. Bisogna anche bloccare le aste giudiziarie al ribasso, che falsano il mercato. Ma dico no, dico fortemente no, a ogni ipotesi di condono per abusi edilizi: il nostro territorio è già troppo cementificato, occorre abbattere tutte le costruzioni abusive, a partire dalle zone più a rischio», dice Salvini.

 
Mercoledì 7 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 08-02-2018 16:49

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 38 commenti presenti
2018-02-07 11:44:11
certo, e in caso di abuso poi che si fa?! ovviamente si sana no?! Allora costruisco su una duna protetta...poi arriveranno i controlli (a babbo morto). Quando mi arrivano porto avanti la causa 20 anni e intanto mi tengo casa...poi chissà ,se servono soldi all'Italia parte il condono e UALLA'...mi ritrovo casa in area protetta o all'interno dell'Appia antica. Ma sto fenomeno da dove l'hanno rilasciato???
2018-02-07 12:22:30
Con il pretesto dei condoni ci ritroviamo con un paese costruito alle falde del Vesuvio o sulle dune in riva al mare e in più non sappiamo più dove far passare strade a servizio dell'ampliamento delle città o per costruire un prolungamento di un'autostrada e siccome ormai le case sono condonate il proprietario ha tutti i diritti di risponderti: falla passare più in là dove però trova altre case. E' logico che con queste uscite acchiappa altri voti ma a lui non gliene può fregar di meno dei danni che verranno fatti
2018-02-07 12:11:38
Forse dimentica che lui ha firmato le leggi per gli immigrati quando era al Governo. Prima che il gallo canti....
2018-02-07 12:30:43
cose dette e ridette gia' dal lontano 1994...certo spacciarle per novità' capita solo in un paese come l'Italia
2018-02-07 12:04:14
A parte che non si devono aspettare anni per le licenze se è tutto in regola già esiste il silenzio assenso per molte opere. Siamo alle solite un comportamento eversivo contro lo stato di diritto e chi rispetta le regole, nel più classico esempio di stato delle banane.
38
  • 231
QUICKMAP