Scoperto il nuovo proprietario del Salvator Mundi: ecco chi ha speso 450 milioni di dollari per il capolavoro di Leonardo

Un principe saudita è il misterioso acquirente che in novembre ha comprato da Christie's per 450 milioni di dollari il «Salvator Mundi» di Leonardo, il dipinto più costoso della storia. Bader bin Abdullah bin Mohammed bin Farhan al-Saud appartiene a un ramo remoto della famiglia reale saudita e non era in precedenza noto per essere un collezionista. Il dipinto sarà esposto al Louvre di Abu Dhabi. L'annuncio è arrivato su twitter dalla stessa filiale del museo, che ha anche postato la foto del quadro, attualmente in viaggio verso gli Emirati Arabi.


Bader bin Abdullah bin Mohammed
bin Farhan al-Saud


La rivelazione, sulla base di documenti di cui il New York Times ha preso visione, collega quello che finora era rimasto un mistero ai recenti intrighi di palazzo in Arabia Saudita. Il principe avrebbe infatti pagato 450 milioni di dollari per un'opera controversa e dal soggetto decisamente anti-islamico in un momento in cui le elite saudite, compresi membri della famiglia reale, tengono un basso profilo di fronte a una vasta campagna anti-corruzione.

Bader è considerato amico e vicino al leader della purga, il 32enne principe della corona Mohammed bin Salman, con cui a Riad ha frequentato la King Saud University. Una portavoce di Christie's non ha voluto confermare l'identità dell'acquirente, né Bader ha risposto alla richiesta di precisazioni del giornale. Documenti ottenuti da fonti saudite ed esaminati dal quotidiano hanno rivelato che il principe non si era fatto avanti che alla vigilia dell'asta: «Era una figura così sconosciuta che gli esecutive di Christie's hanno fatto i salti mortali per stabilirne l'identità e la solidità finanziaria».
Giovedì 7 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 08-12-2017 19:04

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2017-12-07 19:31:35
Penso che chi sostiene che abbiano dato una "sola" all'acquirente arabo, si sbagli di grosso. Il dipinto, basta osservarlo bene, è sicuramente di scuola Leonardesca, se non dello stesso Leonardo. Che vi sia un errore di rifrazione della luce sulla sfera, come sostiene Isacsoon, credo che non annulli affatto la bellezza del dipinto. Dopotutto anche sulla Gioconda Leonardo commise errori di prospettiva. Chi l'ha acquistato, pagando quella cifra, ha fatto sicuramente una affare: questo è un dipinto destinato ad entrare nella storia, come la Gioconda. E Abu Dhabi, come Dubai, è una città moderna e parecchio europeizzata, benchè islamica, e i giovani esponenti degli Emirati hanno quasi tutti frequentato le migliori università britanniche, dove hanno imparato sicuramente il valore dell'arte, anche economico.
2017-12-07 17:15:06
Ma questi hanno tutti questi soldi, perchè non li aiutano loro, ospitandoli, i loro fratelli musulmani che vengono in Italia?
2017-12-07 18:47:26
hanno tanti soldi proprio perchè se li tengono stretti, pardon li investono solo dove fruttano, di certo non sui poveri, pure se fratelli cugini cognati ect ect
2017-12-07 16:59:40
Che sola gli hanno fatto, come sono contento.
2017-12-07 15:37:33
Ho il terribile sospetto che resterà integro per pochissimo tempo! Povero Leonardo, eccellenza di un'Italia che non esiste più. E "loro" pensano alle pensioncine d'oro, vanno a spassino col trenino della Lima ed a farsi rieleggere. Ma non poteva comperarlo quel geniaccio dei Beni Culturali. CHE VERGOGNA
17
  • 451
QUICKMAP