Tre hotel a New York/3: il lusso «fusion» del Pierre

di Marco Berchi
Di un grande super-albergone di Manhattan Al Pacino in «Profumo di donna» dice che «č la summa della civiltŕ occidentale». Non č quello che vi racconteremo oggi ma č meglio così perchĂ© il The Pierre — così si chiama l’hotel — è sì un grande, famoso, prestigioso albergo di New York ma non è «one», ovvero non è gigantesco sino a diventare impersonale. Siamo scesi al Pierre poche settimane fa e ve lo proponiamo nella terza e ultima puntata del nostro piccolo viaggio in tre hotel newyorchesi di diverse fasce di prezzo e collocazioni.



Intendiamoci, il Pierre non è certo piccolo con le sue 189 camere di cui 49 suites (11 Grand Suites) nel grattacielo che occupa interamente sin dal 1930, ma la prima cosa che balza all’occhio non sono le dimensioni, è la posizione. All’angolo tra la East 61st e la Quinta Avenue è letteralmente affacciato sull’angolo sudorientale di Central Park, a 50 metri dall’Apple Store e con una vista sul verde del parco davvero molto bella.

Il Pierre, che è membro dell’esclusivo «club» dei Leading Hotels of the World, appartiene alla catena Taj Hotel Resorts and Palaces dal luglio 2005 e l’influsso orientale si nota non solo nel personale che rappresenta ben 35 nazionalitĂ  ma anche in alcuni tocchi di arredamento e nel menu dei servizi wellness che vengono proposti in camera. Non esiste infatti una vera e propria Spa ma solo un centro fitness ben attrezzato che si propone come alter ego al business center e, soprattutto, ai ben 6000 metri quadri di spazio dedicabili a meeting, congressi ed eventi con sale da banchetto che possono ospitare sino a 800 persone. Di affari e meeting al turista poco importa ma può interessare il fatto che è abbastanza probabile incrociare qualche ospite vip durante uno dei numerosi matrimoni e ricevimenti ospitati nell’hotel.



La ristrutturazione completa effettuata nel 2009 ha messo l’albergo in linea e spesso anche al di sopra degli standard internazionali dei 5 stelle anche se qua e lĂ  qualche tocco di vetustĂ  rimane in qualche angolo di moquette (quando gli americani cesseranno il loro amore per le moquettes sarĂ  un momento storico), negli «staffed elevators» — gli ascensori con addetto premi-pulsante incorporato che, forse, impressionano ancora russi e cinesi ma che noi europei non vorremmo piĂą vedere — e nel wifi a pagamento.



La mia camera doppia standard era ampia e perfettamente attrezzata, con una cabina armadio sin esagerata e con un angolo-poltrona molto confortevole. Un po’ rumoroso l’impianto di condizionamento, ampia la scrivania e ottima l’illuminazione; le suites sono dotate di impianti audio BOSE.

A proposito di suites, la cronaca impone di riportare che le 11 Grand Suites offrono il servizio di un Taj Royal AttachĂ©, un vero e proprio maggiordomo privato i cui servigi sono compresi nel prezzo del soggiorno. E, visto che siamo in tema, diremo che la novitĂ  2014 del The Pierre sono i Private Pied Ă  Terre Residential Stays, formule di lunga permanenza che uniscono la riservatezza e la personalizzazione di un appartamento ai confort dei servizi alberghieri di altissimo profilo. A cui si aggiungono vere e proprie chicche come l’insegnante di lingua e addirittura il tutor di dizione per chi dovesse tenere un «keynote speech» a un convegno.



Tornando davvero con i piedi per terra, resta da citare la cucina. Oltre al Two E Bar/Lounge adiacente alla lobby, dove abbiamo gustato ottimi stuzzichini che tendono a trasformarsi in vere e proprie tapas, il The Pierre propone ai propri ospiti — e anche agli esterni — uno dei famosi ristoranti di Sirio Maccioni. Si chiama proprio Sirio Ristorante e offre un’ampia e curata selezione di piatti italiani all’altezza della classe dell’hotel. Lo chef è il trentino Massimo Bebber e il personale di sala è tutto italiano o parlante italiano.







Info generali su New York

www.nycgo.com

L’HOTEL



The Pierre - A Taj Hotel



2 East 61st st at Fifth Ave



New York, NY 10021 USA



Tel. 1 212-8388000



www.tajhotels.com



Leading Hotels of the World, numero Verde dall'Italia per prenotazioni: 800822005; web: www.lhw.com



- Offerta «Suite celebrations»: chi prenota 2 notti in una delle suite del The Pierre riceve una promozione del 50% sulla seconda notte.



La proposta include:



- Continental Breakfast per 2 persone al Sirio Ristorante



- 2 cocktail al Two E Bar/Lounge



- servizio di stireria all'arrivo per 2 capi a scelta



- Wi-Fi



A partire da Euro 860 a notte in Executive Suite/Interior view







- Offerta per i «ponti» di primavera: camera Deluxe a 595$ (+ tasse).







VOLI



Delta vola su New York ogni giorno da Roma dal 30 marzo, da Venezia (dal 29 marzo) e da Pisa (dal 7 giugno, quattro volte alla settimana). Tutto l'anno opera il volo giornaliero da Milano Malpensa a New York JFK. Importanti gli investimenti sulla classe Business Elite con poltrone letto completamente reclinabili e numerosi servizi esclusivi. Migliorata anche l'Economy e piĂą spazio nei sedili Economy Comfort.



Prezzi: in Economy da 680 euro AR da Milano e da 799 euro da Roma per volare sino al 26 giugno (con almeno un sabato di permanenza).



Tutti i voli su New York JFK operano sul nuovo Terminal 4.



http://it.delta.com









Air France ha 38 voli settimanali su New York da Parigi (di cui 7 operati con Airbus A380), mentre la «sorella» KLM ne ha 14 da Amsterdam. Tutti i voli offrono comode coincidenze dai maggiori aeroporti italiani.

www.airfrance.it

www.klm.it
Lunedì 7 Aprile 2014 - Ultimo aggiornamento: 11-04-2014 11:05

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP