Italicum, Fi, Sel e M5s lasciano lavori commissione. Renzi: tempo di decidere

E' scontro sulla legge elettorale fra governo e opposizione, oltre che nel Pd, dopo la decisione del premier-segretario di sostituire dieci deputati ribelli nella commissione Affari costituzionali che sta esaminando il testo della legge elettorale. I parlamentari cacciati sono tutti estranei all'area renziana del Pd, tutti critici, ormai da mesi, sull'Italicum atteso il 27 aprile in Aula alla Camera. Renzi tira dritto: «È tempo di decidere».



Forza Italia «Noi al pari di tutte le altre opposizioni non accetteremo questo comportamento antidemocratico del partito di Renzi e lasceremo a Renzi e a quel che rimane del suo partito tutta la responsabilità di questo strappo», afferma Renato Brunetta, capogruppo di Fi alla Camera annunciando che Forza Italia lascerà i lavori.



Sel Anche il gruppo Sel lascia i lavori della commissione Affari Costituzionali. «Non siamo abituati alle farse, è un fatto senza precedenti, è evidente che Renzi tratta la commissione come una sezione del Pd», sottolinea il capogruppo Sel Arturo Scotto.



Lega «Non abbiamo alcuna intenzione di mischiarci ai burattini di Renzi e di fare il loro gioco. Per questo non parteciperemo alla commissione Affari costituzionali», annuncia anche Cristian Invernizzi, capogruppo in commissione della Lega. «Questo è un ulteriore esempio di come Renzi utilizzi il parlamento a suo uso e consumo».



M5S Identica scelta fa il Movimento cinque Stelle: «Non ci stiamo ad assistere alla farsa che il Pd ha imbastito in commissione Affari costituzionali dove il padrone Renzi ha epurato i suoi deputati. La riforma elettorale deve essere migliorata, se non è possibile farlo in commissione lo faremo in Aula», spiega il deputato M5S e componente della prima commissione Andrea Cecconi. «Inutile partecipare a una farsa in cui gli attori sarebbero in larga maggioranza burattini di Renzi pronti ad alzare la mano ad ogni comando del capo», sottolinea Danilo Toninelli, vicepresidente della commissione Affari costituzionali e uomo delle riforme del M5S.



Il M5S «presenterà pochi emendamenti in Aula all'Italicum perché non possiamo lasciare l'appiglio a Renzi per porre la fiducia fingendosi obbligato a farlo», dice anmcora Toninelli. «Siamo molto soddisfatti, è una buona notizia perché questa è l'unica possibilità che abbiamo per incidere in difesa della democrazia», dice poi dell'unità dei partiti di opposizione che hanno lasciato tutti la commissione.



Renzi tira dritto «È tempo di decidere. Chi grida allo scandalo perché alcuni deputati sono sostituiti dovrebbe ricordare che è non solo normale ma addirittura necessario se crediamo ai valori democratici: si chiama democrazia quella in cui si approvano le leggi volute dalla maggioranza, non in cui vincono i blocchi imposto dalle minoranze», dice il premier. «Ci hanno insegnato che quando si vota all'interno di una comunità si rispettano le decisioni prese assieme». Le dieci sostituzioni di deputati della minoranza Pd in commissione Affari costituzionali, in questa logica, rispondono ai «valori democratici del rispetto della maggioranza», afferma.



Boschi «Credo che in realtà abbiano poca dimestichezza con le regole della democrazia, non capisco questo atteggiamento», è il commento del ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi. «Credo che non sia comprensibile chi oggi ha invocato il voto segreto a meno che non ci sia una qualche forma di imbarazzo rispetto a non votare una legge elettorale identica a quella votata dallo stesso gruppo al Senato».




Dentro il Pd Il vice segretario del Pd, Guerini si è detto sorpreso della decisione: «Mi pare - ha affermato - che ci sia la volontà di strumentalizzare, di sottrarsi al confronto e di ricavare qualche beneficio politico». Guerini è «spudorato: prima deporta le sue opposizioni - ha detto - e poi denuncia la legittima difesa di chi non ci sta. Ridicolo».



La notizia della sostituzione, ratificata dall'ufficio di presidenza del gruppo Pd, avvenuta ieri, era annunciata da giorni e conferma come, sulla riforma delle legge elettorale, il premier Matteo Renzi sia più che mai convinto a non concedere nulla al dissenso Pd. Ma la decisione, oltre a far salire in trincea l'M5S e perfino Scelta Civica, che minacciano l'Aventino in Commissione, rischia di allargare ulteriormente la frattura interna ai Dem con una buona fetta della minoranza pronta al contrattacco in Aula.



«È un episodio che credo abbia pochi precedenti nella cronaca parlamentare. È successo in passato che un singolo parlamentare sia stato sostituito in commissione, ma qua siamo di fronte a una sostituzione di massa. È un precedente che forse dovrebbe fare riflettere», dice l'esponente della minoranza del Gianni Cuperlo, a La Telefonata di Belpietro su Canale 5. Cuperlo ribadisce inoltre che una eventuale fiducia sull'Italicum metterebbe a rischio la legislatura. Cuperlo Pd sottolinea che «il dato politico» è che «sono stati sostituiti perché hanno fatto proposte migliorative del testo».



«Vedo dai giornali - prosegue - che si potrebbe porre la questione di fiducia: io rivolgo un appello sincero a Renzi per evitarla in tutti i modi. Sarebbe uno strappo gravissimo, ci sarebbe una reazione molto dura da parte delle opposizioni, ed è difficile che dal giorno dopo questo strappo il percorso della legislatura possa proseguire normalmente. La legislatura rischierebbe di finire in un binario a fondo cieco. Corriamo il rischio di approvare la riforma elettorale con i voti della sola maggioranza, nemmeno a ranghi completi, e con un profondo dissenso nel Pd. Se ci fosse la fiducia ognuno di noi risponderebbe alle proprie convinzioni, qua è in gioco la qualità della democrazia».



La sostituzione dei 10, sottolineano fonti del gruppo Dem non è stata votata dall'ufficio di presidenza che si è limitato ad attuare quanto deciso dall'assemblea dei deputati di mercoledì scorso, quando il cosiddetto "lodo Cuperlo" (ovvero la sostituzione dei membri che, sull'Italicum, non sono in linea con il gruppo e, inoltre, sono determinanti nelle votazioni degli emendamenti) fu definito di «buon senso» dallo stesso Renzi. Ma la sostituzione di Bersani, Bindi, Cuperlo, Lattuca, D'Attorre, Giorgis, Pollastrini, Agostini, Meloni e Fabbri è destinata a invelenire ulteriormente il clima sull'Italicum con la minoranza che, a partire dallo stesso Cuperlo la definisce «un fatto molto serio» e avverte che se Renzi optasse la fiducia darebbe luogo ad uno «strappo» che «metterebbe a rischio la legislatura».



E se Rosy Bindi («è una sostituzione di massa») e Stefano Fassina («una regressione della democrazia») non usano termini meno morbidi, ancora questa mattina Renzi ribadisce la sua linea: sulla fiducia si «vedrà» al momento della discussione parlamentare ma «siamo all'ultimo chilometro». E, soprattutto, l'Italicum 2.0 non sarà «perfetto» ma «non si può ripartire». La sostituzione, operata sulla base dell'art. 19 del regolamento della Camera, appare, per numero, senza precedenti ed è destinata a far rumore. Con il M5S che minaccia di abbandonare la commissione trovando, inaspettatamente, anche Sc al suo fianco. Sel, FI, e Lega per ora non annunciano alcun Aventino ma i toni dell'opposizione sono durissimi, e non esitano, a partire dal capogruppo FI Renato Brunetta, a definire «aberrante» la sostituzione dei dissidenti Pd.



Un Aventino delle opposizioni non sarebbe certo un bel biglietto di ingresso per il rush finale del ddl in Aula e, non a caso, in ambienti renziani un simile gesto viene definito come una «violenza alla democrazia». Ma in Aula la battaglia ci sarà e vedrà in prima linea la parte meno dialogante della minoranza Pd. Domani, in commissione, inizieranno le votazioni dei 95 emendamenti oggi ammessi, 11 dei quali presentati dal Pd. E c'è chi, come Alfredo D'Attorre, già sottolinea come le proposte a sua firma - su riduzione dei capilista bloccati e apparentamento al ballottaggio, dove il rischio di un'asse tra minoranza Psd e opposizione è alto - saranno ripresentate in Aula.



Si prevedono, insomma, giorni di nuova bufera nel Pd e fonti della minoranza dem osservano come, anche sul fronte del capogruppo dimissionario Roberto Speranza, almeno finora, non si sono concretizzate quelle aperture paventate dallo stesso Renzi nei giorni scorsi. Con, all'orizzonte, l'ormai probabilità che Speranza venga davvero sostituito.



Sintonia con Sc Questa mattina Renzi, nella sua qualità di segretario del Partito Democratico, ha incontrato assieme al vicesegretario Lorenzo Guerini la delegazione di Scelta Civica, guidata dal segretario Enrico Zanetti, con Andrea Mazziotti e Mariano Rabino. Al centro dell'incontro, gli stretti rapporti di collaborazione tra il Partito Democratico e Scelta Civica, insieme impegnati nella maggioranza che sostiene il governo. Sono state «riaffermate con convinzione», rende noto il Pd, le priorità condivise.
Martedì 21 Aprile 2015 - Ultimo aggiornamento: 22-04-2015 15:52

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 119 commenti presenti
2015-04-22 17:04:52
amico, no ti preoccupare, fa lo stesso. Tanto se si va al voto ci fa(re)mo governare da qualcuna di queste splendide opposizioni! *** (; - BdV/Anchise
2015-04-22 16:02:29
Ancora un ERRATA CORRIGE Non "fandoci governare" ma facendoci
2015-04-22 16:00:24
"alla fine se avrà meriti sono suoi se avrà colpe saranno sempre"............di quelli che remavano contro.Non per nulla,prima delle ultime batoste.Berlusconi vedeva in lui il suo alter ego.
2015-04-22 15:53:30
Con Berlusconi,Biancofiore,Larussa,Casini.Bossi,Verdini ecc...ecc... non ho nulla da spartire e per quel che riguarda Bersani,Cuperlo,Bindi,Civati,Fassina ti ricordo che nessuno di loro 30 anni fa aveva incarichi di governo e che quindi non possono essere definiti colpevoli dello sfascio economico, sociale e culturale,che in ogni caso non era tanto grave quanto quello attuale,è iniziato ai tempi di Craxi ed è da allora costantemente peggiorato (uniche due eccezioni il governo e mezzo di Prodi) grazie a Berlusconi con cui Renzi ha pensato bene di allearsi.Ma in ogni caso sostenere che vanno sostituiti solo per una questione di età ti faccio presente che Adenauer,Brandt,Mitterand,De Gaulle erano capi di governo in età molto molto più avanzate di quanto possa oggi essere Bersani.Per non parlare degli USA dove i senatori restano in carica per anni ed anni e dove la Presidenza dello Stato in alcuni casi è addirittura ereditaria (Bush,non fosse stato ucciso Robert lo sarebbe stato anche per i Kennedy e lo sarà,probabilmente,anche per Hilary Clinton).Ma senza andare all’estero ti ricordo un paio di nostri Presidenti della Repubblica quali Pertini e Ciampi per non citare alcuni leaders politici quali U.La Malfa,Nenni,Ingrao e molti altri.L’abilità e le capacità politiche non sono inversamente proporzionali all’età,purtroppo,altrimenti potremmo uscire dai nostri guai fandoci governare da tanti venticinquenni.
2015-04-22 15:46:40
cioè? Rimpiangi i tempi del " volemose tutti bene e quanto semo bravi" in pubblico e delle coltellate in privato?
QUICKMAP