Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Major Premier Padel, Binaghi: «Numeri eccezionali, nel 2023 sarà ancora meglio»

Major Premier Padel, Binaghi: «Numeri eccezionali, nel 2023 sarà ancora meglio»
di Giacomo Rossetti
3 Minuti di Lettura
Domenica 29 Maggio 2022, 18:23

Ultimo giro di giostra, ma che giostra è stata: il Major Premier Padel si chiude oggi al Foro Italico, ma prima della super finale tra Juan Lebron-Ale Galan contro Francisco Navarro-Martin Di Nenno,  Angelo Binaghi ha tracciato un bilancio della prima edizione romana del torneo. "Piacevolmente sorpreso": è questo lo stato d'animo del numero uno della Federtennis, che snocciola qualche dato: "Con una prevendita di soli 20 giorni, abbiamo raddoppiato le nostre aspettative: ben 22.500 spettatori paganti, la Grand Stand sold-out oggi per la finale, 700mila euro di incasso. Sono numeri eccezionali, ottenuti in soli 20 giorni di preparazione. Per noi il Major di quest'anno è la prima tappa di un percorso di crescita". Chissà, magari l'anno prossimo le partite più importanti verranno in un palcoscenico ancora più prestigioso del Foro. "Bisogna vedere se continuare in un 'catino' così piccolo o spostarci sul Centrale". Il torneo romano ha fatto capire a tutti che il padel non è solo un importante fenomeno sociale, ma anche uno sport "con un altissimo livello di spettacolarità, i cui atleti sono idolatrati dal pubblico, come vediamo alla fine degli incontri". Binaghi conclude con una promessa: "La seconda edizione sarà molto meglio della prima".

Cozzoli: "Major di Roma scommessa vinta"

"Quando l'abbiamo presentato, definimmo il Major una scommessa, che oggi possiamo dire di aver vinto - afferma orgoglioso il presidente di Sport e Slaute, Vito Cozzoli -  Con la Federtennis abbiamo avuto una sinergia perfetta, è la conferma che sport di base e sport di alto livello possono vivere e crescere insieme". Anche Luigi Carraro, numero della Federazione Padel Internazionale, esprime tutta la sua contentezza: "Mi ricordo quando la sera della finale degli Internazionali, tutti si misero a lavorare per trasformare il Foro in appena cinque giorni per l'inizio del Major". Carraro un mese fa disse che stava per iniziare il più importante torneo di padel in Europa, ma oggi può addirittura sbilanciarsi: "Abbiamo assistito al più bel torneo di sempre di questo sport, gli atleti non finivamo mai di dire per quanto erano contenti. Voglio esprimere tutto il mio ringraziamento al Governo, al Sottosegretario Vezzali e al dott. Sciscioli".

Carraro: "Olimpiadi più vicine"

Quando gli chiedono della possibilità di allargare il torneo alle donne, il dirigente risponde: "Abbiamo avviato il dialogo con il sindacato delle giocatrici femminili, il loro atteggiamento è stato più prudente, ma il dialogo prosegue; due giocatrici importanti mi hanno detto che hanno molto sofferto nel non giocare a Roma...". Non poteva mancare una domanda sulla possibilità di vedere il padel alle Olimpiadi, a cui Carraro risponde così: "Tutte le discipline vogliono diventare sport olimpico, la nostra è entrata a far parte dei Giochi Europei, e ci sarà a Cracovia 2023, così come ai prossimi Asian Games. Il Major di Roma è stato trasmesso in 167 tv nel mondo, se procediamo così le Olimpiadi saranno più vicine"

© RIPRODUZIONE RISERVATA