Zen, crisi nel segno della continuità.
Mister Corbo: «Non ho alcun timore»

Lunedì 12 Agosto 2019 di Tiziano Pompili
Poche ore fa mister Danilo Cannone, tecnico dello Zena assieme a Danilo Corbo, ha comunicato di non poter proseguire la sua esperienza sulla panchina del club che si “ispira” al Genoa per inderogabili “motivi personali”. La matricola tiburtina (che si sposterà da Montecelio al Ripoli di Tivoli, dopo l’accordo di collaborazione avviato con la Css che fa settore giovanile) ha optato per una soluzione interna, con Corbo che prenderà da solo il timone tecnico della Promozione e che sarà affiancato dal preparatore atletico Alessandro Gianni.
 
«Abbiamo preso questa decisione per non creare ulteriori scombussolamenti ad un gruppo che ha già perso alcuni elementi “storici” della cavalcata dalla Seconda alla Promozione – spiega il direttore sportivo Ivan Pannunzi – Corbo ha condiviso assieme a Cannone il percorso dello Zena e rappresentava la miglior soluzione possibile. Cannone ha provato a verificare se fosse possibile portare avanti l’impegno, ma alla fine ha capito che non c’erano margini in questo senso. Siamo convinti che la squadra non risentirà di questo cambiamento forzato: siamo felici della rosa allestita, vediamo come assorbirà l’impatto con la nuova categoria».
 
Il debutto “in solitaria” di Corbo (che prima di appendere gli scarpini aveva allenato la Juniores dell’Albula qualche anno fa) è già avvenuto sabato scorso in occasione del test contro l’Almas, vinto per 5-2 dallo Zena. «Non pensavamo di ottenere risposte così convincenti dai ragazzi in questa fase – dice l’allenatore – La decisione di Cannone è stata come un fulmine a ciel sereno, con lui si erano creati equilibri praticamente perfetti nel corso dei tre anni vissuti assieme e il nostro era davvero un lavoro “alla pari”: tutte le decisioni venivano prese insieme, ma ora cercherò di farmi trovare pronto in questa nuova situazione. La Promozione? L’ho fatta da giocatore a Sant’Angelo Romano, non ho timore di affrontarla da allenatore».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Se il figlio non sta mai fermo la soluzione è tre sport in uno

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma