Itri, Onorato si morde le mani: «Sembrava fatta sul 2-0
e invece...»

Martedì 10 Settembre 2019 di Andrea Gionti
L'esterno offensivo Edoardo Onorato
Un’altra squadra pontina che si morde le mani è sicuramente l’Itri. Domenica mattina al Comunale durante il primo tempo sembrava una partita a senso unico, tutto a favore degli aurunci, dominatori in tutti i reparti e con il 2-0 in tasca grazie all’uno-due micidiale del tandem iberico Cano-Otero. Poi? E' balzato in cattedra il redivivo Astrea, che, sospinto da uno dei suoi uomini guida, il bomber Ivan Giuntoli, ha risalito la china agguantando il pareggio e sfiorando nel finale il clamoroso sorpasso. Vede il bicchiere mezzo pieno l’esterno offensivo Edoardo Onorato, al secondo anno con la maglia biancazzurra: «Abbiamo sprecato l’impossibile. Incredibile quello che è successo. Il match sembrava nelle nostre mani, veleggiavamo tranquilli verso la vittoria. Il primo tempo è stato ai limiti della perfezione, poi nella ripresa due disattenzioni hanno permesso ai nostri avversari di raggiungerci e addiritura si è sfiorata anche la beffa. Sarebbe stato troppo, anche perchè non meritavamo quell’epilogo. Comunque ci rimbocchiamo le maniche e guardiamo avanti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma