Argentina, arbitro ucciso a colpi di pistola dal giocatore espulso

Martedì 16 Febbraio 2016
Choc in campo in argentina dove un arbitro è stato ucciso dopo aver espulso un giocatore. Il calciatore, dopo il cartellino rosso, ha preso la pistola e ucciso il direttore di gara. La tragedia è avvenuta nella provincia di Cordoba, durante un match dilettantistico. Cesar Flores, 48enne arbitro, ha espulso un calciatore per un violento intervento in campo. Il giocatore, come riferisce la stampa locale, è tornato negli spogliatoi per prendere una pistola e si è ripresentato in campo. Ha fatto fuoco 3 volte contro il direttore di gara, colpito mortalmente alla testa, al collo e al petto. Un altro calciatore, il 25enne Walter Zarate, è stato ferito al petto: ricoverato in ospedale, non è in pericolo di vita. L'assassino è riuscito a fuggire ed è ricercato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma