Israele ha ormai raggiunto «l'immunità di gregge»: 86 casi nelle ultime 24 ore. Permessi raduni fino a 100 persone

Israele ha raggiunto «una sorta di immunità di gregge»: 86 i casi nelle ultime 24 ore
3 Minuti di Lettura
Domenica 11 Aprile 2021, 14:44 - Ultimo aggiornamento: 12 Aprile, 17:41

Israele avrebbe raggiunto raggiunto una sorta di immunità di gregge con un numero dei casi giornalieri di Covid sceso del 97% grazie alla campagna vaccinale. Questo scenario prospetterebbe un ulteriore possibile allentamento delle restrizioni. Lo ha detto Eran Segal, biologo computazionale del Weizmann Institute secondo. «È possibile - ha spiegato alla tv Kan - che il Paese abbia raggiunto una sorta di immunità di gregge e, a prescindere, abbiamo un'ampia rete di sicurezza. Penso che questo renda possibile rimuovere immediatamente alcune delle restrizioni». Secondo i dati del ministero della sanità, nelle ultime 24 ore le nuove infezioni sono state 86 con un tasso di positività dell'0,8%. Allo stato attuale i casi attivi della malattia nel Paese sono 3.890 con 263 in condizioni gravi.

Covid, i vaccinati sviluppano anticorpi e la ricerca punta sulla terza dose

L'allentamento delle misure per eventi

Gli israeliani hanno ricevuto giovedì dal governo nuove disposizioni che prevedono l'allentamento delle misure anti-Covid. Secondo le regole aggiornate ora sono possibili nel paese raduni fino a 100 persone il luoghi aperti e un massimo di 20 negli spazi interni. Sale poi da 5.000 a 10.000 il numero di partecipanti ad eventi sportivi o altri eventi in ampi spazi aperti, mentre al chiuso è permessa una capacità del 40% fino a un massimo di 4.000 persone. Infine per eventi non seduti e/o senza cibo l'occupazione è aumentata da 500 a 750 unità.

 

Con la pandemia meno attacchi antisemiti ma più dissacrazioni di luoghi ebraici, nati lo “zoom bombing” e il “Giudeovirus”

Abbandono della mascherina all'aperto


Grazie alla discesa del numero di casi Covid, Israele potrebbe presto revocare l'obbligo di indossare la mascherina all'aperto. La rete israeliana Canale 12 ha riferito che il Ministero della Salute avrebbe già approvato la proposta e il regole cambieranno a partire dal 18 aprile, ovvero dopo la celebrazione del Giorno dell'Indipendenza, che cade ad aprile. 15, per ridurre la possibilità di un aumento dei focolai dovuti alle celebrazioni festive.

«Gli interventi di salute pubblica richiedono sempre di trovare un equilibrio tra efficacia e sicurezza pubblica», ha detto al Jerusalem Post il dott. Eyal Leshem, direttore del Centro per la medicina di viaggio e le malattie tropicali presso il Centro medico di Sheba. «Sappiamo che indossare mascherine all'aperto non è efficace quanto farlo al chiuso. Inoltre, vediamo che molte persone in realtà non indossano più le maschere comunque. Pertanto, a questo punto, con un numero basso di casi e una maggioranza della popolazione vaccinata o guarita, avrebbe senso dal punto di vista epidemiologico e di salute pubblica sollevare il requisito».

Vaccinati e reinfettati: i ritardi nella campagna favoriscono i contagi tra immunizzati e le varianti

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA