Esplosioni dal vulcano di Stromboli: poggia di lapilli e incendi

La situazione è in evoluzione, la sequenza degli eventi è stata diversa rispetto al solito e non possiamo dire in che direzione evolva. C'è sempre il rischio cospicuo, con un magma così alto nel condotto come è adesso, che si apra una frattura lungo la sciara con il pericolo di collassi di materiale in acqua e, di conseguenza, un'onda anomala». A spiegarlo è Gianfilippo De Astis dell'Ingv di Roma, arrivando a Ginostra, la frazione più colpita dall'eruzione di ieri allo Stromboli

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri