Rehn: instabilità politica frena la ripresa. L'abolizione dell'Imu preoccupa

Marted├Č 17 Settembre 2013
Olli Rehn
ROMA - źNel caso dell'Italia, dove l'economia mostra ancora segni debolezza, l'incertezza politica frena gli investimenti e la ripresa che ├Ę molto necessaria┬╗. Lo ha detto il commissario Ue agli Affari economici, Olli Rehn, nel corso di un'audizione alla Commissione bilancio del Senato.



┬źCome la Ferrari, l'Italia incarna grande tradizione, stile e capacit├á tecnica, per├▓ per poter vincere bisogna avere un motore pi├╣ competitivo ed essere sempre prontia cambiare e ad adeguarsi┬╗, ha detto il vicepresidente della Commissione Ue, aggiungendo ┬źspero che Raikkonen sia fonte di ispirazione per l'Italia┬╗ e augurandosi ┬źche l'Italia guidi con entrambe le mani sul volante e rimanga fermamente in pista┬╗. ┬źMi congratulo - ha detto Rehn in apertura del suo intervento alla Commissione bilancio della Camera - con l'Italia per gli sforzi intrapresi e la riuscita del salvataggio della Costa Concordia┬╗.



Il provvedimento preso dall'Italia con l'abolizione dell'Imu ┬źha suscitato e suscita preoccupazioni, rispetto allo spostamento degli oneri fiscali dai fattori produttivi verso altri cespiti┬╗, ha poi affermato il commissario Ue agli Affari economici, spiegando che ┬źsar├á nostro dovere verificare la service tax┬╗. Rehn ha sottolineato che la Commissione europea ┬źha il dovere di chiedere correzioni┬╗ quando gli stati membri dell'Unione prendono decisioni non coerenti con gli impegni assunti a Bruxelles.



La decisione di abolire l'Imu sulla prima casa presa dal governo italiano ┬źva in direzione opposta rispetto alle raccomandazioni del Consiglio Ue┬╗, che chiede di spostare la pressione fiscale dai fattori produttivi verso il patrimonio e il consumo, ha detto ancora il commissario Ue, aggiungendo per├▓ che ┬źse configurata bene, la nuova service tax potrebbe, potrebbe, essere coerente con le raccomandazioni del consiglio┬╗.



┬źLa procedura di deficit eccessivo per l'Italia ├Ę chiusa, ma l'Italia dovr├á onorare, essere all'altezza degli impegni assunti┬╗, haproseguito Rehn, spiegando che in caso di un nuovo sforamento ┬źdovr├á riaprire la procedura disavanzo eccessivo: l'Italia ne ├Ę pienamente consapevole┬╗.



┬źLa Spagna e l'Iralanda hanno ridotto il costo del lavoro e ora registrano un riequilibrio rispetto alla produttivit├á. Italia e Francia invece non sono ancora riuscite veramente a realizzare questo equilibrio, necessario per sostenere la crescita┬╗, ha sostenuto ancora Rehn. ┬źNel 2008 abbiamo assistito a una divergenza marcata in Europa tra i cosiddetti paesi "core" e il resto. ├ł vero che non si tratta di un problema tanto di competitivit├á, ma di retribuzioni nominali collegate al disavanzo delle partite correnti che si ├Ę ampliato con l'indebolimento della posizione finanziaria netta┬╗. Per Rehn, ┬źquesto ├Ę il vero problema zona euro, questo grande, concreto squilibrio macro economico. Italia Francia e Finlandia hanno gradualmente perso una fetta di mercato sull'economia mondiale┬╗.



┬źOlli Rehn ├Ę preoccupato per l'abolizione dell'Imu in Italia? Noi siamo preoccupati che uno come lui abbia voce in capitolo in Europa┬╗. Lo dichiara Maurizio Gasparri, senatore Pdl e vicepresidente di Palazzo Madama, in replica a quanto affermato dal commissario Ue. Ultimo aggiornamento: 18 Settembre, 08:58

LE VOCI DEL MESSAGGERO

´╗┐Viaggiare da soli? “Un sacco bello”. Anche senza andare in Polonia

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma