TIM in fermento su scontro Elliott - Vivendi

Martedì 10 Aprile 2018
(Teleborsa) - Brillante rialzo per Telecom Italia, che guadagna a Piazza Affari il 3,49% mentre entra nel vivo la battaglia tra Elliott e Vivendi sulla composizione del Consiglio di Amministrazione.

Oggi, 10 Aprile 2018, il fondo americano ha comunicato di aver depositato la lista di candidati del board della compagnia telefonica in vista dell'assemblea del 4 Maggio. Oltre ai nomi già presenti nella prima lista per l'assemblea del 24 Aprile (Fulvio Conti, Luigi Gubitosi, Rocco Sabelli, Massimo Ferrari, Paola Giannotti, Dante Roscini), ci sono in elenco altri 4 nomi: Alfredo Altavilla, Paola Bonomo, Lucia Morselli e Maria Elena Cappello.

Ieri, il CdA di TIM ha approvato a maggioranza l'illegittimità dell'operato dei sindaci che avevano integrato l'ordine del giorno dell'assemblea del 24 Aprile con le richieste di Elliott. Pertanto non si voterà più a fine Aprile, come chiesto dal fondo americano, bensì il 4 Maggio.

Intanto Assogestioni ha deciso di non presentare una propria lista, lasciando liberi i fondi di votare per gli americani o per i francesi. Infatti, da una parte c'è Elliott con l'8,8% del capitale e la possibilità di crescere fino al 13,37%, dall'altra Vivendi con il 24% del capitale.

Non si sa, invece, quale parte avrà Cdp, che ha annunciato di voler acquistare fino al 5% del capitale di TIM.

Iss e Glass Lewis consigliano ai fondi di votare i sei membri proposti da Elliott.

Il CdA di TIM ha poi comunicato che intraprenderà "ogni azione legale a tutela dei diritti e degli interessi di tutti i soci e della società", in merito all'operato dei sindaci definito "illegittimo". Il Collegio Sindacale ha risposto dichiarando che "procederà senza difficoltà a illustrare in qualsiasi sede, ove richiesto, l'assoluta correttezza della propria valutazione nonché i presupposti giuridici e le motivazioni che hanno portato alla scelta effettuata". © RIPRODUZIONE RISERVATA