Chieti, studente universitario scomparso da casa: lo trovano impiccato a un albero

Studente universitario scomparso da casa, lo trovano impiccato a un albero
di Walter Berghella
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 1 Settembre 2021, 08:19 - Ultimo aggiornamento: 08:45

L'imponente sistema di ricerche persone scomparse messo in atto l‘altro ieri dalla Prefettura aveva perlustrato oltre 10 km quadrati di territorio fino a ieri mattina, nel pomeriggio poi la drammatica notizia che A.C., 34 anni, di Lanciano, è stato trovato morto, impiccato a un albero della folta vegetazione alla base della valle del fiume Feltrino, vicino al ponte che divide i confinanti comuni di Lanciano e Frisa. A fare la triste scoperta un cacciatore che transitava sul posto con diversi cani al seguito mentre in zona proseguivano incessanti le ricerche ad opera dei vigili del fuoco di Chieti con l’ausilio dei cani molecolari e di altri gruppi di protezione civile.

Giulia Di Sabatino morta giù dal ponte sulla A14: sei anni di mistero. Il giallo dei selfie cancellati

Suoceri fatti a pezzi e messi in una valigia, Elona Kalesha voleva impedire che il figlio scoprisse la gravidanza

Il corpo decomposto e viso annerito per un decesso avvenuto da giorni, era in posizione flessa con le ginocchia quasi a toccare terra. Sull’inaspettato suicidio indaga la polizia di Lanciano, sul posto anche la scientifica di Chieti. Potrebbe essere l’autopsia, se disposta dal procuratore Mirvana Di Serio, a stabilire con esattezza a quando far risalire il decesso dello studente universitario di ingegneria elettronica allontanatosi mercoledì scorso, 25 agosto, indossando solo pantaloncini e scarpe e con cuffiette per sentire musica.

A.C. era uscito a fare una delle sue solite passeggiate campestri, a ridosso di contrada Santa Giusta dove risiedeva con la famiglia. Genitori molto preoccupati per il mancato rientro a casa a differenza delle altre volte, anche perché soffriva di problemi. Non era la prima volta che si era allontanato e così in famiglia hanno atteso il solito ritorno, fino a che non è stata fatta la denuncia di scomparsa ai carabinieri sabato scorso. Lunedì poi l’attivazione dell’imponente ricerca con elicotteri, vigili del fuoco, gruppo Alpini di Lanciano e protezione civile San Filippo Neri. Palmo a palmo passati in rassegna boschi, anfratti, grotte, casolari abbandonati in un’area compresa tra Santa Giusta, Serroni e verso Sant’Apollinare, ricca anche di canneti, vigneti e uliveti.

C’era speranza di ritrovarlo, ma l’attesa è svanita dolorosamente ieri pomeriggio. Un colpo al cuore per i genitori, amici e parenti che erano in apprensione e avevano diramato inviti di aiuto per ritrovare A.C. sano e salvo. Purtroppo, così non è stato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA