Junker: «Ue garante di pace, no a nazionalismo che respinge e detesta gli altri»

«Diciamo sì al patriottismo che non si scaglia contro gli altri. Diciamo no al nazionalismo esagerato che respinge e detesta gli altri, che respinge e distrugge e cerca colpevoli invece di cercare soluzioni che ci permettano di vivere meglio insieme. Il patto fondatore dell’UE 'mai più guerre' è un’esigenza ancora viva». Queste le parole del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker nel suo discorso sullo stato dell’Unione alla Plenaria, nell’Europarlamento a Strasburgo Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Via Crucis, il Papa «I migranti trovano porte chiuse per calcoli politici»
Siri, il figlio di Arata è stato assunto da Giorgetti a Palazzo Chigi
Lega, stop al Salva Roma: «Raggi non è in grado»
Ergastolo all'infermiera killer di Piombino. Lei piange in aula: «Non ho fatto nulla»
Studentessa 19enne denuncia le molestie sessuali del preside a scuola: bruciata viva