Junker: «Ue garante di pace, no a nazionalismo che respinge e detesta gli altri»

«Diciamo sì al patriottismo che non si scaglia contro gli altri. Diciamo no al nazionalismo esagerato che respinge e detesta gli altri, che respinge e distrugge e cerca colpevoli invece di cercare soluzioni che ci permettano di vivere meglio insieme. Il patto fondatore dell’UE 'mai più guerre' è un’esigenza ancora viva». Queste le parole del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker nel suo discorso sullo stato dell’Unione alla Plenaria, nell’Europarlamento a Strasburgo Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Reddito e quota 100, ok del governo Di Maio: norme anti-divano, nessuno abuserà del sussidio Le slide
Italia, gli atenei senza fondi: 10mila ricercatori in meno
L'allieva pilota «vittima di nonnismo»: spunta video in cui "frusta" i colleghi
Quattro morti e un ferito grave sulla Telesina: l'auto fuggiva dalla polizia
Federico morto di meningite, strazio ai funerali: palloncini e striscioni di addio