Ucraina, Berlusconi corregge a metà: «È il Paese aggredito, dobbiamo aiutarlo a difendersi»

«Questo centrodestra è la casa comune di tutti, ma per vincere deve tornare ad avere una forte connotazione liberale, cristiana, garantista europeista ed...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 79,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live

«Questo centrodestra è la casa comune di tutti, ma per vincere deve tornare ad avere una forte connotazione liberale, cristiana, garantista europeista ed atlantista». È quanto invoca Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, alla convention di Napoli. «Con la sinistra al governo - ha aggiunto - avremmo meno libertà». Salvini intanto non commenta le parole dell'ex premier a proposito di far accogliere agli ucraini le domande di Putin: «io lavoro a un tavolo dove siedano Putin e Zelensky», dice il leader della Lega.

Perché Berlusconi torna a sostenere l'amico Putin? La svolta "salviniana" che fa infuriare i governisti di Fi (Gelmini in testa)

Berlusconi, la precisazione su Kiev

«L'Ucraina è il paese aggredito e noi dobbiamo aiutarlo a difendersi». Lo ha detto Silvio Berlusconi a Napoli, precisando le sue parole "filo-putiniane" di ieri. «A tutti voi quindi va il mio incoraggiamento più forte e il mio grazie più sentito, a voi che siete qui presenti e ai tanti altri che ci seguono tramite i canali televisivi e i social. Ricordatevi: il futuro di Forza Italia è il futuro dell'Italia. Continuiamo a costruirlo insieme, per noi e per le persone che amiamo. E ricordatevi che, come io ebbi a dire nel 1994, 'chi ci crede combatte, chi ci crede supera ogni ostacolo, chi ci crede vincè. Un forte abbraccio a tutti e naturalmente: Forza Napoli! Forza Italia!». Così il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi ha chiuso il suo intervento alla convention azzurra a Napoli, che è durato oltre un'ora, citando alla fine «il miracolo possibile» della vittoria. E si è scusato col pubblico dicendo: «Sono stato lungo ma avevo tante cose da dire». Poi ha intonato l'inno del partito.

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Marmolada, crolla torre di ghiaccio: 6 morti e 8 feriti di cui uno è grave. Sono 10 i dispersi
GP di Silverstone, la diretta: Hamilton primo, cambiano gli ordini in Ferrari, Leclerc passa Sainz
Voli cancellati? Rimborsi possibili (fino a 600 euro): dai biglietti alternativi ai voucher
Mosca: abbiamo conquistato regione del Lugansk Kiev: la battaglia per il Donbass non è finita Bombe su aeroporto di Melitopol in mano ai russi
Batterie delle sigarette elettroniche per ricaricare i droni kamikaze, l'ultima idea di Kiev per abbattere i costi