Strage a Cisterna, 6.000 in piazza per salutare Alessia e Martina con una canzone di Eros Ramazzotti

Circa seimila persone, sotto una pioggia battente, hanno voluto salutare con un corteo Alessia e Martina, le due bambine di 8 e 13 anni uccise dal padre che poi si è suicidato.

Il lungo corteo è partito dal centro di Cisterna, dalla chiesa di Santa Maria Assunta, arrivando fino al cimitero cittadino.

«Cisterna vi porterà sempre nel cuore» recita uno degli striscioni. Bambini e genitori avevano una candela accesa o un palloncino bianco. Al termine del corteo c'è stato un momento di preghiera e, in conclusione, è stata fatta ascoltare una canzone di Eros Ramazzotti, il cantante preferito di Alessia.

La strage familiare ha sconvolto la comunità di Cisterna. Sono emersi, nel frattempo, ulteriori particolari sul piano  criminale di Luigi Capasso che in una busta ha lasciato anche dei soldi per l'amante, oltre alle lettere indirizzate ai fratelli e 10.000 euro per pagare le spese dei funerali.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Lazio-Eintracht, scontri all'Olimpico La polizia carica, 5 fermi
Antonio Megalizzi, 48 ore per decidere se staccare la spina La mamma: spero in un miracolo
Bce, Draghi: «Ripresa stenta, tassi fermi». Da gennaio stop al Qe
Raffaele Marra condannato a tre anni e sei mesi «Deve 100mila euro al Campidoglio»
Stilista impiccata, per gli esperti il suicidio è una messa in scena: «Strangolata, poi appesa a un albero»