Strage a Cisterna, 6.000 in piazza per salutare Alessia e Martina con una canzone di Eros Ramazzotti

Circa seimila persone, sotto una pioggia battente, hanno voluto salutare con un corteo Alessia e Martina, le due bambine di 8 e 13 anni uccise dal padre che poi si è suicidato.

Il lungo corteo è partito dal centro di Cisterna, dalla chiesa di Santa Maria Assunta, arrivando fino al cimitero cittadino.

«Cisterna vi porterà sempre nel cuore» recita uno degli striscioni. Bambini e genitori avevano una candela accesa o un palloncino bianco. Al termine del corteo c'è stato un momento di preghiera e, in conclusione, è stata fatta ascoltare una canzone di Eros Ramazzotti, il cantante preferito di Alessia.

La strage familiare ha sconvolto la comunità di Cisterna. Sono emersi, nel frattempo, ulteriori particolari sul piano  criminale di Luigi Capasso che in una busta ha lasciato anche dei soldi per l'amante, oltre alle lettere indirizzate ai fratelli e 10.000 euro per pagare le spese dei funerali.

 

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Salvini annuncia il censimento rom Di Maio frena: «È incostituzionale» Gli ebrei: «Ricorda le leggi razziali»
Conte a Berlino: «Soluzioni europee per i migranti o finisce Schengen» Merkel: collaboreremo con l'Italia
Sparatoria in centro a Malmoe: 4 feriti I tifosi festeggiavano la vittoria svedese al Mondiale
Bonafede: «Lanzalone scelto da Raggi». Il sindaco sentito ancora dai pm come testimone
Residenze false per avere i fondi dei terremotati: 120 romani nei guai