Covid, impennata di casi: +28% in una settimana (e il tasso di positività sale al 15,3%). I dati regione per regione

Il report settimanale: sono 34.314 le nuove infezioni

Aumentano i casi Covid in Italia (del 26%): dalle reinfezioni alla febbre, focus sulla variante Eris
I nuovi casi di Covid-19 riprendono a salire. Nell'ultima settimana si è registrato un aumento del 28,1% rispetto alla scorsa settimana per un totale di 34.319 nuove...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live

I nuovi casi di Covid-19 riprendono a salire. Nell'ultima settimana si è registrato un aumento del 28,1% rispetto alla scorsa settimana per un totale di 34.319 nuove infezioni. Cresce anche il numero di decessi: sono stati 192, con un incremento del 17,8% rispetto alla settimana precedente. In lieve risalita anche l'occupazione dei posti letto negli ospedali, così come l'indice Rt che raggiunge lo 0,93, restando ancora sotto la soglia epidemica di 1.

I dati

I dati dell'ultimo montaggio settimanale del ministero della Salute e dell'Istituto Superiore di Sanità sembrano non destare particolari preoccupazione, alla luce di una situazione sotto controllo negli ospedali, ma l'invito è alla cautela. «I numeri, ancorché sostanzialmente stabili negli indici più significativi e cioè l'impatto sulle strutture ospedaliere, determinano la necessità di un maggior impegno da parte di tutte le Regioni sia sul piano della comunicazione che della organizzazione della vaccinazione in difesa dei più fragili», ha affermato il direttore generale della Prevenzione Sanitaria del ministero della Salute, Francesco Vaia che circa 10 giorni fa aveva proprio sollecitato le Regioni a spingere il piede sull'acceleratore delle vaccinazioni anti-Covid.

I vaccini

Queste infatti non decollano: fino a ora sono state somministrate in Italia 669.935 dosi di vaccino anti-Covid Comirnaty XBB 1.5 e la popolazione over 60 risulta aver ricevuto 572.228 dosi, con una copertura vaccinale pari al 3,12%. Le Regioni che hanno raggiunto i più alti tassi di vaccinazioni degli over 60 sono la Valle d'Aosta (8%), la Toscana (7,6%), l'Emilia Romagna (7%) e la Lombardia (6%); le ultime sono Abruzzo (0%), Basilicata (0,011%) e Sicilia (0,046%).

La ripresa dei contagi regione per regione

Il report mostra intanto una ripresa dei contagi, con l'incidenza passata dai 46 casi per 100 mila abitanti della scorsa settimana ai 58 degli ultimi 7 giorni. Tra le Regioni, è il Veneto quella in cui si registrano i tassi più alti (130 casi per 100.000 abitanti), seguito da Piemonte (96) e Lombardia (93). Mentre tra le fasce di età, la più colpita è quella degli ultranovantenni (132 casi ogni 100 mila). L'aumento della circolazione del virus emerge anche dai dati sulla positività ai tamponi: 224.522 quelli eseguiti nell'ultima settimana con una variazione di +13,5% rispetto alla settimana precedente (197.818). Il tasso di positività è stato del 15,3% con una variazione di +1,7% rispetto alla settimana precedente (13,5%).

Eris, la variante dominante

La variante maggioritaria continua a essere EG.5 (Eris), che è responsabile di circa la metà dei contagi. Quanto alla mortalità, gli ultranovantenni sono la fascia della popolazione in cui si registra il maggior tasso di decessi (44 ogni 100 mila), mentre non si contano morti sotto i 50 anni. Per quel che concerne la pressione sul servizio sanitario, l'occupazione dei posti letto in area medica resta limitata, pari al 6,7% (4.167 ricoverati), in aumento rispetto alla settimana precedente quando era al 5,9%. In leggero aumento anche l'occupazione dei posti letto in terapia intensiva: è pari all'1,4% (122 ricoverati) rispetto all'1,2% della scorsa settimana.

Leggi l'articolo completo su
Il Messaggero