Roma, tenta di violentare una donna: poi fugge e molesta i bambini che giocano al parco

E' sbucato all'improvviso da un anfratto del Parco degli acquedotti, scagliandosi addosso ad una trentacinquenne italiana che, palpeggiando, ha cercato di trascinare tra le vegetazione.

La donna peró non si è persa d'animo e dopo essere riuscita a sottrarsi alla violenza, ha chiamato il proprio marito, un agente di polizia locale in forza al Gssu, che a sua volta ha allertato i colleghi. Immediata è scattata la caccia all'uomo da parte dei caschi bianchi romani, coordinati dal vice Comandante del Corpo Lorenzo Botta.

Il maniaco, risultato poi essere un cittadino bengalese di 30 anni è stato rintracciato e sorpreso ancora all'interno del parco, mentre si stava masturbando davanti ai bambini in prossimità dell'area dedicata ai giochi. Alla vista degli agenti il bengalese ha reagito con calci e pugni, tentando di procurasi con violenza la fuga. Arrestato è stato condotto presso le celle di sicurezza, in attesa dell'udienza che si terrà per direttissima, domani mattina presso il Tribunale di Piazzale Clodio.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Alfie Evans, il giudice autorizza il distacco dai macchinari
Furgone piomba sulla folla a Toronto nove morti, 16 feriti: molti sono gravi Identificato il conducente
Cinquestelle-Pd incarico a Fico L'ira di Salvini «Presa in giro»
Alitalia, sgambetto Ue: basso l’interesse al 10% sul prestito dello Stato L'anteprima sul Messaggero Digital
25 aprile, salta il corteo unitario La Comunità ebraica si sfila: «Provocazioni dai palestinesi»