Roma, va in scena la battaglia al bullismo

Il bullismo è un malessere che si manifesta nei giovani durante l’adolescenza ma evolve con l’età, cambia forma e ha ripercussioni su tutta la società. Parlarne e dare fisionomia a questo disagio relazionale è una delle strade per provare a sconfiggerlo. Per la “Quarta Giornata Nazionale Giovani Uniti Contro il Bullismo”, lo scorso sabato il Teatro Olimpico di Roma, ha ospitato uno spettacolo dedicato alle vittime di bullismo portato in scena dai ragazzi del Centro Nazionale Contro il bullismo - Bulli stop con gli studenti dell’Istituto Paritario G.G. Visconti, “Il Buono il Bullo il Genio”. Lo spettacolo che ha avuto come madrina Maria Grazia Cucinotta. 
 
Protagonisti assoluti di “Il Buono il Bullo il Genio” sono stati gli studenti che hanno curato la produzione, la stesura del testo, l'organizzazione teatrale la regia e hanno scelto di inserire tra personaggi reali anche maschere celebri del mondo dei cortoons tra cui Elsa, Joker, Shrek. Tanti gli applausi e tanto il sostegno al gruppo di lavoro dagli ambasciatori Max Gazzè, Paolo Genovese ed Enrico Papi, dai portavoce Paola Perego, Amadeus e Gabriele Cirilli e dal direttore artistico nazionale Alessandro Gassman. In prima fila ad applaudire ai ragazzi contro ogni forma di bullismo c’era anche Bebe Vio, campionessa paralimpica e mondiale in carica di fioretto individuale. 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Migranti a Lampedusa, ira di Salvini: «Ong dei centri sociali, arrestateli»
Lorenzo ucciso dall'Isis, l'amica combattente: «La guerra fa schifo ma non si può stare a guardare»
Sblocca-cantieri, salta mini condono
Bankitalia, il dg Rossi: «Indisponibile a un secondo mandato»
Trovata falla nel Reddito: erogato per tre mesi anche se non si ha diritto