Stalking al nuotatore Alex di Giorgio: condanna bis per l'ex tronista Ivano Marino

Stalking al nuotatore Alex di Giorgio: condanna bis per l'ex tronista Ivano Marino
È stato condannato in Appello a sei mesi Ivano Marino, l’ex tronista che per due anni ha perseguitato il nuotatore olimpico romano Alex Di Giorgio minacciandolo:...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live

È stato condannato in Appello a sei mesi Ivano Marino, l’ex tronista che per due anni ha perseguitato il nuotatore olimpico romano Alex Di Giorgio minacciandolo: «Dirò a tutti che sei gay». Al fashion blogger e web influencer , volto noto anche come ex corteggiatore del programma tv Uomini e Donne, i giudici di secondo grado hanno però fatto uno sconto di pena, rispetto alla sentenza di un anno e due mesi del Tribunale, riconoscendo solo il reato di stalking, e assolvendolo da quelli di sostituzione di persona e diffamazione. 

Marino per mesi avrebbe molestato l’atleta, difeso dall’avvocato Tatiana Minciarelli, dopo averlo frequentato per un breve periodo. La minaccia era di mettere a conoscenza l’ambiente sportivo della sua omosessualità. Le intimidazioni erano arrivate tra il 2013 e il 2014, con telefonate ripetute, ma anche con pedinamenti. Mentre sul web proliferavano fake a nome dell’atleta. 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Meloni e il caso Cospito: «Non si può trattare con chi ci minaccia»
La Russa: «I segnali sono gravi, lo Stato deve difendersi. Il 41 bis non si tocca»
Massiccio attacco hacker nel mondo, Italia colpita Compromesse diverse decine di sistemi nazionali
Rifiuti, Lazio e Campania restano senza risorse Pnrr. Cdp: «I fondi non sono andati dove servivano di più»
Patuelli (Abi): «Il federalismo non può riguardare anche le banche»