Piazzale Flaminio, il suk della vergogna

Roma, piazzale Flaminio,una cinquantina di bancarelle e nessun vigile.....!!@Dany88493875Se c’è un posto che racchiude tutto il degrado, il lassismo,...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

Tutta l'informazione in un click:
il sito ilmessaggero.it,
l'app dedicata, le newsletter, i podcast
e gli aggiornamenti live

OFFERTA SPECIALE

9,99 € per 1 ANNO

Promo valida oggi per chi paga tramite Google

oppure 1€ al mese per 6 mesi

Roma, piazzale Flaminio,
una cinquantina 
di bancarelle e nessun vigile.....!!
@Dany88493875


Se c’è un posto che racchiude tutto il degrado, il lassismo, l’inciviltà di Roma, quello è piazzale Flaminio. Lì, dove si accede allo spettacolo di piazza del Popolo e da dove partiva l’antica via Flaminia fino a Ponte Milvio, c’è il bignami della Roma che non funziona. 
Ogni giorno c’è un suk a cielo aperto: banchi di scarpe, mutande e cianfrusaglie varie posizionate all’uscita della stazione in barba alle più banali norme di sicurezza. Dopo l’11 settembre il prefetto Achille Serra vietò le bancarelle nei pressi delle uscite di metro e ferrovie, ora che in giro per il mondo si susseguono attentati invece nessuno fa niente. Oltre alle bancarelle ci sono anche distese di lenzuoli dove gli stranieri stendono borse, ombrelli, occhiali rigorosamente falsi. Qualcuno usa anche i parapedonali per esporre meglio le cinture. C’è poi la sosta selvaggia dei suv sui marciapiedi, come testimoniato dalle foto su Twitter del profilo Riprendiamoci Roma. Ci sono i clochard abbandonati a loro stessi: come le due sorelle che si sono ormai impossessate della pensili dell’autobus con le loro buste piene di rifiuti e dolore. Ci sono suonatori ambulanti con tanto di amplificatori che si esibiscono a tutte le ore e i residenti sono ostaggio delle loro note stonate sparate a tutto volume. Gli unici a mancare sono i controlli: vigili e forze dell’ordine non ci sono quasi mai. Ogni tanto qualche blitz a favore di fotografi e telecamere. E poi subito dopo torna il degrado quotidiano. Di tutto questo dovrebbero provare un po’ di vergogna il sindaco, il prefetto, il questore e prima di loro i romani tutti.

davide.desario@ilmessaggero.it Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Dramma a Lecco, con la moto piomba su un gruppo di pedoni: 2 morti e un ferito
Marito e moglie romani si sparano in una villetta a Forlì contemporaneamente Ex dipendenti Senato La pista della setta
Mosca, ecco la grande offensiva sul Donbass Russia: no allo scambio tra gli Azov e l'oligarca Zelensky a Draghi: «Presto per il negoziato»
La battaglia dei sabotaggi: in fiamme il più importante Centro aerospaziale di Mosca
I nemici, i generali, il veleno: Putin solo con le sue paranoie. «Sembra Hitler nel bunker»