Incendio ospedale Tivoli, i testimoni: «Siamo scappati nel fumo». «Mio padre è morto, io salva grazie agli infermieri»

Il racconto di chi ha vissuto quei terribili momenti

Paura e morte all'ospedale di Tivoli, ecco alcune testimonianze. «Ho sentito la puzza di plastica bruciata e sono uscito fuori. Io ero in Pronto soccorso al piano -1,...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live

Paura e morte all'ospedale di Tivoli, ecco alcune testimonianze. «Ho sentito la puzza di plastica bruciata e sono uscito fuori. Io ero in Pronto soccorso al piano -1, c'era solo fumo ed è saltata la corrente, quindi scappavamo grazie alle luci di emergenza anche se si vedeva poco. Sono stati momenti di panico. Oltre alle barelle ci si affrettava come si poteva e alcuni malati venivano portati anche a braccio. Noi siamo usciti attraverso l'obitorio e la polizia per farci uscire ha spaccato il cancello». Così Paolo Gabrielli, 39 anni, uno dei pazienti evacuati dall'ospedale di Tivoli, dove ieri sera è divampato un incendio.

«Ero in ospedale per dare l'ultimo saluto a mio papà, morto poco prima che scoppiasse l'incendio. Intorno alle 23.15 ho sentito un forte odore di plastica bruciata, è andata via la corrente ed è scattato l'allarme. Ero in corridoio ma le scale erano impraticabili, c'era una colonna di fumo». A raccontarlo Veronica Timperi che ieri sera era in ospedale al quinto piano nel reparto cardiologia dove era ricoverato il padre, morto prima che scoppiasse il rogo. «Voglio ringraziare le infermiere e i medici che sono stati prontissimi, hanno aperto la porta anti incendio permettendoci così di raggiungere l'uscita. Sono tornata a casa ancora sotto choc», ha detto.

Incendio ospedale Tivoli nella notte: 4 morti, 2 pazienti gravemente intossicati e 250 evacuati

 

«Ero al reparto di medicina d'urgenza e formalmente sono ancora ricoverato. Sono in pigiama da ieri notte. Ho sentito puzza di plastica bruciata, poi sono uscito di fuori e l'odore era ancora più forte. A un certo punto è andata via la corrente. Siamo rimasti al buio». Questa la testimonianza di uno dei pazienti ricoverati all'ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli dove è divampato ieri sera l'incendio.

 

«Abbiamo cercato di dare una mano a chi non era in grado di camminare, poi ci hanno fatto uscire perché era troppo pericoloso. Gli altri dieci che erano con noi sono portati via dai soccorritori», ha raccontato l'uomo fuori dalla struttura che è stata evacuata.

Leggi l'articolo completo su
Il Messaggero