Estate, 7 romani su 10 in partenza: la vacanza batte i rincari (ma gli italiani che rinunciano aumentano)

Sondaggio Quorum-Youtrend realizzato per Wonderful Italy: il Lazio traina il turismo

Estate, 7 romani su 10 in partenza: la vacanza batte i rincari (ma aumentano anche quelli che rinunciano)
Si torna a viaggiare in questa estate che preannuncia numeri vicini, se non superiori, ai livelli pre-pandemia. Nonostante l’incertezza economica, il Covid, il conflitto in...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 79,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live

Si torna a viaggiare in questa estate che preannuncia numeri vicini, se non superiori, ai livelli pre-pandemia. Nonostante l’incertezza economica, il Covid, il conflitto in Ucraina e l’emergenza siccità, due italiani su tre sono pronti a partire per le vacanze. A luglio 2020 – il periodo post lockdown dominato dalla paura del contagio – solo metà dei cittadini aveva preso questa decisione. È quanto emerge da un sondaggio Quorum-Youtrend per Wonderful Italy, sull’identikit del turista medio nostrano, in una stagione estiva che promette temperature bollenti e prezzi tutt’altro che abbordabili. 

L’inflazione, infatti, non risparmia le vacanze degli italiani. Se l’anno scorso a influire sulle partenze erano stati la recrudescenza del virus e l’andamento della campagna vaccinale, quest’anno ci pensa soprattutto il caro prezzi. Una stangata del genere sulle tasche dei cittadini, del resto, non si vedeva da 36 anni (solo a giugno, per dire, i rincari sui biglietti aerei hanno registrato, dice l’Istat, un aumento del 90% su base annua, e non vanno meglio neppure i traghetti, i noleggi auto o le sistemazioni in albergo). Così, se nel 2021 gli italiani che dichiaravano di rinunciare alle vacanze “per problemi economici” erano stati il 10,6%, quest’anno la quota di cittadini che resterà a casa anche nei mesi più caldi si è raddoppiata, attestandosi al 22%. 

LE PREOCCUPAZIONI
L’inflazione, trainata dai rincari energetici, preoccupa il 74% degli intervistati. Una percentuale che scende al 55% se si cita il Covid-19 e si abbassa ulteriormente intorno al 47% se si parla di riscaldamento globale e del conflitto in Ucraina. Non tutti si preoccupano allo stesso modo: i giovani si dicono più colpiti dall’aumento dei prezzi e dal cambiamento climatico, mentre gli anziani guardano con maggiore timore alla guerra e al rischio di contagiarsi.

A trainare il turismo, soprattutto i cittadini provenienti dal Lazio. Gli abitanti della regione alzano la media del Paese dichiarando - per il 71% contro il 65% su base nazionale - l’intenzione di partire per le vacanze. Eppure i laziali sono i più allarmati dalle conseguenze dell’inflazione rispetto al resto del Paese. Nel loro caso il rialzo dei prezzi pesa sulla scelta delle ferie per l’87%, a fronte di un dato nazionale pari all’82%.
Tra le mete, anche nel 2022 il mare si conferma la preferita degli italiani. Dopo due anni di turismo congelato dalla pandemia, la folla nelle spiagge non spaventa più come in passato, e a farne le spese sono soprattutto la montagna e le città d’arte che le scorse estati avevano registrato discreti aumenti nei flussi turistici. La Sicilia rimane la destinazione favorita (solo i laziali, per pochi punti percentuali, privilegiano la Puglia: al terzo posto la Sardegna). 

I VIAGGI ALL’ESTERO
Se poi negli ultimi due anni il virus aveva incentivato il turismo di prossimità, ora gli italiani tornano a viaggiare anche all’estero, così come i cittadini stranieri hanno ricominciato a visitare il nostro Paese. Nel 2021 quelli usciti dai confini nazionali erano stati solo il 7%, mentre quest’anno la quota sale al 12,4%, soprattutto tra gli under 35. 

Chi rimarrà in Italia farà comunque parecchia strada. Due italiani su cinque, infatti, percorreranno più di 500 chilometri per raggiungere la meta, oltrepassando i confini regionali. Quanto alle sistemazioni, al vertice delle preferenze restano gli alberghi, nonostante un balzo in avanti dei prezzi di circa il 18% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Subito dopo si posizionano le case vacanze. Un italiano su 4 le preferisce, soprattutto tra i più giovani. 

«L’estate di due anni fa era stata di attesa e di forte timore, frenando la corsa alle prenotazioni. Un atteggiamento che si è ripercorso anche nel 2021. Quest’anno si sono affacciate nuove emergenze sociali, ma l’impatto non ha influito più di tanto sulla voglia di vacanze», dice Michele Ridolfo, fondatore e amministratore delegato di Wonderful Italy, l’azienda che ha commissionato il sondaggio. «Quest’anno - aggiunge - assistiamo a un riequilibrio delle tendenze: le destinazioni variano maggiormente rispetto al passato, si differenziano le tipologie di sistemazione e si torna a viaggiare in gruppo. Il tutto nonostante un quadro economico e sociale molto complesso e articolato». 

  Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Fdi primo partito, centrodestra vicino al 50%. Centrosinistra sotto al 30% dopo lo strappo di Calenda, Terzo polo al 4,8%
Contatti Renzi-Calenda: «Lavoriamo ad accordo» Di Battista al veleno su Grillo: è un padre padrone Salvini: «Se Meloni ha un voto in più sarà premier»
Elezioni, Patuelli (Abi) scrive ai partiti: «Rimuovere vincoli strutturali, completare PNRR e taglio cuneo»
Gas, prezzi choc. «Più di metà dei costi che paghiamo in bolletta dovuti alla speculazione»
Nuovo vaccino anti varianti: accordo Ue-Moderna per 15 milioni di dosi bivalenti. Ecco cosa sono