Banca Etruria, papà Boschi agli ispettori: «Dagli uffici le carte false alla Consob, io non sapevo»

Da un lato Pier Luigi Boschi, ex vicepresidente di Etruria che, come gli altri componenti del cda, scarica sui manager della vecchia Banca ogni responsabilità, sostenendo di non avere avuto alcun ruolo nel falso in prospetto che avrebbe ingannato i risparmiatori sulle obbligazioni emesse da Bpe e poi azzerati. Dall'altro, il procuratore di Arezzo, Roberto Rossi, che giovedì, in Commissione banche, a microfoni spenti, ha replicato alle domande dei parlamentari sulle responsabilità di Boschi, indagato per falso in...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Roma, due gemelli si buttano dal viadotto, la madre morta pochi giorni fa
Salvini non cede al Colle su Savona «O si parte o si torna al voto» Video Di Maio: si chiude in 24 ore o non più
Filippone aveva in mente il piano per sterminare la famiglia due giorni prima
Dalla Cdp ai ministeri: 350 poltrone in bilico L'anteprima sul Messaggero Digital
Le chat scolastiche nel mirino dei presidi: «Generano ostilità»