Neve ai Castelli, scuole aperte solo a Nemi e Velletri

Nemi e Velletri sono gli unici due comuni dei Castelli Romani che questa mattina hanno aperto le scuole. Lo hanno deciso nel pomeriggio di ieri i due sindaci Alberto Bertucci e Fausto Servadio dopo le riunioni operative con la polizia locale, la dirigenza scolastica, gli uffici comunali preposti e la protezione civile. Il sindaco  di Nemi, supportato delle insegnanti dell'istituto comprensivo, ha deciso di fare lezione oggi: molti gli alinni presenti. 

Per quanto riguarda gli altri comuni, il gran lavoro svolto fin dalle prime ore della notte tra domenica e lunedì e che ancora continua, da parte dei volontari delle protezioni civili, ha permesso di tenere pulite le strade che sono tutte percorribili al momento. Così per tutta la notte e alle prime ore del mattino con l'ausilio delle polizie locali la protezione civile a Genzano, Rocca di Papa, Rocca Priora, Lanuvio, Ariccia, Ciampino, Velletri, Nemi, Albano, Frascati, Marino, Lariano, Grottaferrata ha continuato a spargere il sale, spalare la neve, e rimuovere i numerosi alberi e rami franati in strada sotto il peso della neve.
 
Al momento, a parte la srada provinciale Pratoni del Vivaro, tra i comuni di Velletri e Rocca di Papa, chiusa da alcuni giorni non risultano strade non percorribili. La polizia stradale di Albano, coordinata dal comandante Claudio Marrese, ha sulle principali strade del territorio alcune pattuglie di servizio, al lavoro nei punti più ghiacciati e innevati  del perimetro di competenza anche i guardiaparco dei Castelli Romani. Il pericolo ora solo le lastre e i blocchi di ghiaccio sul manto stradale. Le forze dell'ordine invitano a moderare la velocità, a procedere con cautela e transitare con gomme invernali.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Manovra, Lega: «Tria si è impegnato a trovare soluzioni per cambiamento»
Olimpiadi, Toninelli «Torino da sola la scelta migliore» Ma Giorgetti: «Vicenda chiusa»
Evasione Iva, Italia prima in Europa Persi 36 miliardi. Romania seconda
Stadio Roma, indagini su 400.000 euro versati da Parnasi. «Alla Lega 250.000»
Raggi: «Ok dal premier Conte a poteri speciali per la Capitale»