Da Einstein alla Sonda Cassini, al Maxxi arriva Gravity: percorsi interattivi ed esperimenti

 Il Maxxi di Roma presenta la mostra Gravity. Immaginare l'Universo dopo Einstein, poco più di un secolo dalla teoria della relatività di Albert Einstein. La rassegna è aperta dal 2 dicembre al 29 aprile ed è costituita da un percorso immersivo e interattivo tra installazioni scientifiche e artistiche, reperti storici e simulazioni di esperimenti: dal modello di volo della Sonda Cassini alle installazioni di Tomás Saraceno, dal cannocchiale di Galileo a Marcel Duchamp, dagli interferometri per la caccia alle onde gravitazionali ai video d'artista.

Il progetto è il risultato di una inedita collaborazione del museo con l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), con il sostegno del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca - Dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca. A cura di Luigia Lonardelli (Maxxi), Vincenzo Napolano (Infn) e Andrea Zanini (Asi) con la consulenza scientifica di Giovanni Amelino-Camelia, Gravity indaga le connessioni e le analogie tra l'arte e la scienza, dimostrando la profonda influenza dello scienziato tedesco sul pensiero contemporaneo.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Il Messaggero compie 140 anni festa a Cinecittà con Mattarella Cusenza: «È la casa dei romani»
Tria rassicura: «Rispetto dei conti Misure graduali, l'Iva non aumenta»
Berlusconi, Salvini e Meloni: centrodestra unito in tutte le prossime elezioni
Pieni poteri al commissario e 500 assunzioni in deroga negli enti locali
Decreto migranti e sicurezza, è tensione M5S-Lega. Conte media