Maker Faire, con Skyem trovare lavoro è un videogioco

Trovare lavoro grazie a un videogame: Skeym è un progetto di job assessment attraverso la gamification che sfrutta le potenzialità dei videogame per individuare quali sono le abilità e le capacità di un candidato per un posto di lavoro: «Siamo partiti da una ricerca che afferma come le persone si comportino nello stesso modo sia nella vita reale che quando gioca», spiega Salvo Mica, Ceo e founder di Skeym. Il videogioco è modulabile, ed è pensato per riprodurre le caratteristiche che un candidato può avere in relazione al posto di lavoro sta cercando: «Siamo in grado di rilevare riflessi, attenzione, capacità di problem solving – prosegue – il videogioco dura 20 minuti ma non supplisce il colloquio di lavoro, che è caldamente consigliato». Cambiano i lavori, cambia il processo di selezione del lavoro: «Ormai il curriculum vitae è un ricordo del passato, a contare sono sempre di più i profili social e, appunto, la capacità di adattarsi all'ambiente di lavoro – conclude Mica – che Skeym riproduce perfettamente».  
 

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Il Messaggero compie 140 anni festa a Cinecittà con Mattarella Cusenza: «È la casa dei romani»
Tria rassicura: «Rispetto dei conti Misure graduali, l'Iva non aumenta»
Berlusconi, Salvini e Meloni: centrodestra unito in tutte le prossime elezioni
Pieni poteri al commissario e 500 assunzioni in deroga negli enti locali
Decreto migranti e sicurezza, è tensione M5S-Lega. Conte media