Lazio, Tare: «L'agente di Keita dice il falso, proposto rinnovo al giocatore»

Non ha mandato giù le parole del procuratore di Keita, Igli Tare. Il direttore sportivo della Lazio, attraverso un comunicato apparso sul sito ufficiale del club, ha chiarito: «Prendo atto delle dichiarazioni rilasciate dal Sig. Roberto Calenda, il quale afferma di non aver mai ricevuto alcuna offerta di rinnovo ufficiale per il suo assistito Keita Balde Diao. Tali affermazioni non rispecchiano la realtà. Non più di due settimane fa c’è stato l’ennesimo incontro con lui: al suo assistito è stato offerto ufficialmente un contratto sia lo scorso anno, sia nell’arco della stagione appena terminata. Lo voglio ripetere chiaramente, al calciatore è stato offerto ufficialmente un rinnovo di contratto alle stesse cifre dei top-player della Lazio».

PAROLA DI MANAGER
Una risposta alle parole di Calenda, arrivate nel pomeriggio: «Finalmente, dopo un po' di mesi è arrivata la chiamata e ci siamo incontrati con il presidente - aveva ammesso l'agente di Keita -. Ci è stato comunicato che siamo sul mercato e ci sono degli accordi tra club (con il Milan, ndr). Stando sul mercato faremo le nostre valutazioni e vedremo quello che succederà. Definire un prezzo con la Lazio è utopia. Proposta di rinnovo? Mi ha parlato di molte cose, ma non c'è mai stata una proposta di rinnovo completa. Tempistiche? Il mercato finisce il 31 agosto».

TWEET DA FRATELLO
La polemica però non si è conclusa con il botta e risposta Calenda-Tare. In serata, infatti, il fratello di Keita, Tobal Balde Diao su Twitter ha scritto: «In merito alle dichiarazioni rilasciate dal signor Tare noto alcune stonature. Primo: l’incontro non è stato due settimane fa, ma l’altro ieri e Tare non era presente. Secondo: non sappiamo a chi Tare abbia recapitato le sue offerte di rinnovo nell’ultimo anno, visto che a noi non è arrivato nulla e visto che in data 19/2 lui stesso ha dichiarato di non conoscere l’agente di Keita. Forse ha sbagliato indirizzo email a cui mandare i documenti? E nel frattempo hanno trovato l’accordo con un altra squadra»
 
Intanto, continuano i contatti per l’esterno offensivo del PSV Eindhoven, Bart Ramselaar. Il talento del 1996 sarebbe stato identificato dalla Lazio come l’erede di Keita.

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Coprifuoco e ristoranti, ora si riparte Verso ok a locali al chiuso fino alle 18
Elezioni a Roma, Gualtieri al Messaggero: «Amo la Capitale e posso cambiarla. Diventerà il motore del Paese»
Vaccino, seconda dose in vacanza. Lazio e Puglia: «Noi siamo pronti»
Obiettivi centrati su Recovery e lotta al Covid. Adesso la sfida è la crescita
Vaccino a domicilio, medici di base a caccia di anziani e fragilissimi da immunizzare