La fontana e il Mosé «arcibruttissimo»


Il romano Costantino Maes (1839 - 1910) era uno di quegli eruditi di cui si è perduto lo stampo. Ha lavorato nelle biblioteche Alessandrina, Nazionale, Vallicelliana ed Angelica; ha insegnato al Liceo Visconti. Già nel 1897 (ma invano) aveva presentato un progetto per recuperare le Navi di Nemi: quelle volute da Caligola, colate a picco nel lago su ordine del Senato. Ci ha lasciato tre tomi di Curiosità romane, editi nel 1855: mini aneddoti sulla città, scritti con un grande sapere e bagaglio culturale. Uno stile piano, talora perfino affettuoso. Una sola volta, forse, Maes si lascia andare addirittura allo sdegno. Ed è quando parla del Mosè a piazza San Bernardo, nella Fontana Felice, mostra terminale dell'omonimo acquedotto voluto da Sisto V, Felice Piergentile poi Peretti. Con quell'acqua, il papa risolveva tutti i problemi della sua immensa Villa Montalto, una tra le più grandi a Roma, che occupava anche l'attuale spazio della stazione Termini.

INVETTIVE
In pochissime righe, scrivendo dell'«altro Mosè», Maes lo dichiara il «più orrido» (ovviamente, «l'altro» è quello di Michelangelo: il capolavoro a San Pietro in Vincoli), anche se la fontana «è certamente una delle più belle di Roma». A proposito dell'autore, Prospero da Brescia, scrive di un «infelice connubio dell'orgoglio con l'ignoranza», che non «figlia se non mostri»; il soggetto è «straziato da un informe abbozzo»; «un rospo»; «una sconcezza»; un «arcibruttissimo Mosè», tanto che l'autore, «pazzo dal dolore per le risate» che la statua «eccitava, si ferì con la spada, non volendo sopravvivere a tanta sconfitta». E cita Giovanni Baglione, pittore e biografo, autore di un libro dedicato alle Vite degli artisti dal 1572 al 1642, per dire che, eseguita la scultura, a Prospero «venne un umore melanconico, il quale atterrollo, e in breve lo mandò all'altra vita».

GLI AUTORI
Prospero si chiamava, in realtà, Antichi, ed era appunto bresciano. Si era dedicato a svariate opere: gli angeli di stucco nella Cappella Paolina del Vaticano e lo stemma di Gregorio XIII Boncompagni nella Sala Regia; tombe di papi e leoni araldici; quelli sotto l'obelisco di San Pietro; a Santa Maria Maggiore, un gruppo sotto il tabernacolo del Santissimo, per Adolfo Venturi «opera accurata e gentile». Ma al Mosè lavora assieme a Leonardo Sormani: chissà di chi è tanta bruttezza. Fino al punto da chiamarlo «Mosè ridicolo». Maes stesso dice che l'autore «in altre opere si palesò pure per un valentuomo»; però la vicenda della sua morte in seguito al fiasco è falsa: vive e lavora ancora nel 1591; se ne va nel 1599, quando il Mosè era terminato da almeno un decennio.
Costò al papa mille scudi; però, l'ultimo pagamento, il saldo, è tutto solo per Sormani. Maes chiede perfino di «togliere questa sconcezza da una delle più belle fonti che ammiransi in Roma», e bandire un nuovo concorso, perché «quest'arte tradisce la sua missione che è di rallegrare il mesto cielo della vita col Sole del Bello».

GLI ERRORI
«In questa statua», il bresciano «perdé tutto l'onore che avevasi acquistato in tempi andati con tante e sì nobili fatiche»: lo dice perfino Baglione. Qualcuno spiega per la fretta, imposta dal papa; altri, per colpa di Sormani. Sta di fatto che la scultura, alta 4 metri comprese «le corna luminose sulla fronte», venne affiancata da Domenico Fontana, il grande progettista dell'insieme, con altre statue, sostituite da Gregorio XVI Cappellari con copie nell'Ottocento, e gli originali sono ai Musei Vaticani. Gli altorilievi sono di Flaminio Vacca; i due leoni alla base, antichi. Ma questa prima tra le tante «mostre» terminali degli acquedotti è assai criticata per la disarmonia tra frontespizio e coronamento, oltre che per «l'infelice riuscita» del Mosè: «grottesco e sproporzionato», tanto che, fin dall'inaugurazione si disse che fosse accigliato per essere stato creato da uno «scultore tanto inetto». Pasquino pensava, «inorridito, al danno che fe' uno scultor stordito». E chiede anche, al papa, «il nuovo Michelangelo impicca per la gola». Ma sta là da 430 anni.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Conte al Colle, decreti dopo Europee Salvini cede, alta tensione Lega-M5S
Bimbo ucciso in casa, padre confessa: «Non dormivo, l'ho picchiato a morte»
Ciclista ucciso dal Tir a Roma, preso lo sciacallo che rubò il portafogli e prelevò con il bancomat
​Liberato l'italiano Alessandro Sandrini a Idlib, venne rapito nel 2016. Il papà: «Incubo finito»
Siena, si ribalta bus di turisti dell'Est Morta una guida, 31 feriti