Milano, 20enne accoltellata, il tranviere confessa: «L'ho uccisa perché provava a difendersi»

Jessica prima di essere uccisa ha cercato di difendersi ma io «ho rigirato il coltello» che aveva in mano contro di lei e «l'ho colpita allo stomaco». È la spiegazione data al pm Cristiana Roveda e agli uomini della Squadra Mobile di Milano da Alessandro Garlaschi, il tranviere di 39 anni accusato di aver assassinato la 19enne Jessica Valentina Faoro e di aver cercato di bruciarne il corpo dopo che che la giovane aveva opposto resistenza ai suoi approcci.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
M5S: improbabile Conte oggi al Colle
Il mostro del Circeo: «Uccidemmo anche una 17enne sul Trasimeno»
Harvey Weinstein si consegna alla polizia di Ny: «Accusa di stupro» Pagata cauzione di un milione
Papà stuprava la figlia dodicenne, «Così puoi difenderti da chi vuole violentare». Arrestato dai carabinieri
Branco di minorenni stupra una dodicenne nel Napoletano