Arrestato per corruzione sindaco della provincia di Parma

Il sindaco del comune di Polesine Zibello, in provincia di Parma, Andrea Censi, ex Pd poi candidato in liste civiche, è stato arrestato. All'alba, i Carabinieri hanno dato esecuzione alla misura cautelare, conseguente ad un'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Parma. Gli inquirenti parlano di «un pervicace sistema di gestione della cosa pubblica, assolutamente asservito agli interessi privatistici del sindaco», e di reati che vanno dalla corruzione al falso alla truffa e al peculato.

Oltre al primo cittadino di Polesine Zibello, eletto sindaco nel 2016, è chiamato a rispondere del reato di corruzione anche un noto imprenditore del settore avicolo che, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, sarebbe stato agevolato nelle opere di ampliamento del sito di allevamento grazie al pagamento di una cospicua somma di denaro.

Falsificate inoltre decine di delibere della Giunta municipale in violazione dei principi di trasparenza e collegialità della Pubblica amministrazione. Risulta truccato un concorso pubblico per l'assunzione di uno degli alti dirigenti del Comune. Sequestrato, per diverse decine di migliaia di euro, presso istituti di credito delle province di Parma e Piacenza, denaro provento delittuoso delle violazioni contestate. I carabinieri stanno eseguendo ancora numerose perquisizioni anche presso le sedi del Comune finalizzate al reperimento di ulteriore documentazione probatoria. È prevista una conferenza stampa sull'operazione nella tarda mattinata di oggi.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Anche Salvini attacca la Francia: «È tra chi sottrae ricchezza all'Africa»
​Di Maio: «Abbiamo fatto Lino Banfi patrimonio Unesco». L'attore nella commissione italiana
Mafia, colpo alla Nuova Cupola: si pentono due boss, 7 arresti
Spagna in ansia, primo tunnel finito: «Oggi sapremo se Julen è vivo»
Jonathan e Denise, la sopravvissuta: «Ho urlato: rallenta. Poi il buio»