Roma, gli sms proibiti del maestro di karate alla 14enne, l'uomo si difende: «Non posso fare a meno di lei»

Era consapevole di essere invischiato in una relazione proibita. Sapeva che l'amore che lo legava a una ragazzina di soli 14 anni, per lui che ne ha quasi 50, era illegale. Per questo motivo, Giulio C., l'istruttore di karate di 48 anni finito agli arresti domiciliari per atti sessuali con una minorenne, in molti messaggi diceva alla quattordicenne di cancellare le chat sul cellulare. Per non destare sospetti, per evitare di venire scoperti. Le stesse chat hanno spinto la pm Maria Gabriella Fazi, titolare del fascicolo, a chiedere l'arresto. La minore, infatti, non ha mai eliminato i messaggi scambiati con l'istruttore. Ha provato a farlo quando i suoi genitori hanno scoperto la relazione, ma non ha avuto abbastanza tempo: la madre della ragazzina ha sequestrato il telefono e lo ha consegnato alla polizia, dopo avere letto le chat con il maestro di karate. È stato il fratello della quattordicenne ad accorgersi della storia proibita. La sorella non voleva sentire ragioni, diceva di essere innamorata. Così, il ragazzo, uno studente universitario di 20 anni, ha deciso di raccontare ogni cosa alla madre, che ha sporto denuncia.

L'ARRESTO
Quando gli agenti del commissariato San Giovanni si sono presentati a casa di Giulio C. per arrestarlo, lui ha provato a giustificarsi: «Ma io la amo, non posso farne a meno», avrebbe detto. Una circostanza che, per il gip Vilma Passamonti, non lo assolve dalle contestazioni. Poco importa che la minore fosse consenziente: il quarantottenne si sarebbe approfittato della fragilità emotiva della ragazzina, corteggiandola per settimane e inducendola ad avere con lui rapporti sessuali.

LA VACANZA
La relazione inizia in estate, quando la quattordicenne va in vacanza in Trentino con la famiglia dell'indagato. I genitori si fidavano. Conoscevano il quarantottenne e la moglie, visto che i figli andavano a scuola insieme e frequentavano la palestra di karate, nel quartiere Appio Tuscolano. La stessa palestra dove Giulio C. era di casa: cintura nera, accompagnava spesso i ragazzini alle gare e organizzava trasferte.
Tornati a Roma, la relazione prosegue e diventa più intensa. Le avances e gli approcci virtuali sfociano in incontri clandestini.

GLI INCONTRI
La quattordicenne salta la scuola e incontra l'indagato in un garage, dove i baci e gli abbracci si trasformano in rapporti completi. Per l'accusa, le prove sono nel cellulare della ragazzina: i messaggi già finiti agli atti del fascicolo sono migliaia. Nelle chat i due parlano di dettagli intimi che, per la procura, lasciano pochi dubbi sul fatto che gli atti sessuali contestati all'indagato si siano effettivamente consumati. Nei prossimi giorni, Giulio C. verrà ascoltato dal gip e racconterà la sua versione dei fatti. Nel frattempo, gli inquirenti attendono il deposito della consulenza tecnica sul suo pc e sul suo cellulare, entrambi sequestrati.
 

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Champions, Real Madrid-Roma 3-0: giallorossi puniti da Isco, Bale e Mariano
Auto travolge passanti a San Pietro: 5 feriti, 3 bambini Diretta Fb
Figli uccisi a Rebibbia, la mamma: «Ora sono liberi»
Follia sulla metro B: il rapper entra in cabina e "sequestra" il treno «Così disarmo il vigilante» E l'Atac fa partire un'inchiesta
Rai, ok Vigilanza a mozione Lega Marcello Foa verso la presidenza