Foglie bagnate sulle strade, basterebbe raccoglierle

«Per noi, obbligati a scegliere la moto come arma antitraffico, le foglie e la pioggia rappresentano una sfida estrema: con le due ruote è come correre su una lastra di ghiaccio, la caduta sempre in agguato», sintetizza il professor Gianluca Grazi, bisturi di prima grandezza, primario all'Ifo. E chiude: «Guido a passo d'uomo, terrorizzato». Centinaia di migliaia di romani come lui. La Capitale è sommersa da foglie di platano, cadute da alberi non potati che si imbevono di pioggia formando a terra...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Rom, Salvini insiste sul censimento «Non mollo e vado dritto» Video Ira Ue, Moscovici: «Agghiacciante»
Parnasi intercettato: stadio, tempi lunghi ho messo 26 milioni e ora rischiamo l'addio di Pallotta
Il pianto disperato dei bambini migranti separati dai genitori negli Usa
Morto Jimmy Wopo, ucciso un altro rapper
Cucchi, il carabiniere testimone: «Io minacciato e trasferito il governo mi aiuti»