Bollette, dagli utili extra un tesoretto di 5 miliardi

Tavolo Arera con le società del settore: focus sul tetto di prezzo a 61 euro a Mwh. Resta il nodo dei contratti a lungo termine esclusi nel decreto dal computo dei profitti

Bollette, dagli utili extra un tesoretto di 5 miliardi
Il dado è tratto sugli extraprofitti delle rinnovabili. Si cercano fino a 5 miliardi. Il governo ha deciso di guardarci dentro e di recuperare il recuperabile, tra febbraio...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

Tutta l'informazione in un click:
il sito ilmessaggero.it,
l'app dedicata, le newsletter, i podcast
e gli aggiornamenti live

OFFERTA SPECIALE

9,99 € per 1 ANNO

Promo valida oggi per chi paga tramite Google

oppure 1€ al mese per 6 mesi

Il dado è tratto sugli extraprofitti delle rinnovabili. Si cercano fino a 5 miliardi. Il governo ha deciso di guardarci dentro e di recuperare il recuperabile, tra febbraio e dicembre, per poter tagliare gli aumenti previsti sulle bollette di famiglie e imprese anche nei prossimi mesi. Ma ora toccherà all’Arera andare a decriptare la lotteria del gas, da cui già in tanti si chiamano fuori. Sarà l’Authority guidata da Stefano Besseghini a stabilire entro 30 giorni dall’entrata in vigore del decreto le modalità di attuazione. E dunque, a stretto giro sentirà uno a uno, con consultazioni, anche i produttori interessati dal meccanismo di «compensazione» che permetterà il prelievo di utili che vanno oltre il tetto individuato per quest’anno a 61 euro per megawattora, secondo la relazione allegata all’ultima bozza di decreto arrivata venerdì scorso in Consiglio dei ministri. Il margine che va oltre sarà prelevato dal Gse e accumulato in un fondo ad hoc. Un fondo che promette bene visto che i prezzi spot sono vicini ai 250 euro per megawattora e che le stime parlano di una tariffa media annuale di almeno 70-75 euro per MWh.

 

 

LA FUGA

Il nodo più delicato da sciogliere però è capire chi davvero dovrà condividere il suo tesoretto. Perché la bozza di decreto dice chiaramente che le disposizioni «non si applicano all’energia oggetto di contratti di fornitura conclusi prima della data di entrata in vigore del decreto, a condizione che non siano collegati all’andamento dei prezzi dei mercati spot dell’energia e che, comunque, non siano stipulati a un prezzo medio superiore del 10 per cento rispetto al valore» individuato come tetto. Dunque restano fuori i contratti a lungo termine già firmati. Si è preso dunque il modello spagnolo ma si è fatto tesoro degli errori di Madrid che alla fine ha dovuto fare marcia indietro sui contratti a lungo termine. È certo però che il provvedimento riguarderà tutta «l’energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici di potenza superiore a 20 kW che beneficiano di tariffe fisse derivanti dal meccanismo del Conto Energia», nonché su idroelettrico, geotermoelettrico ed eolico «che non accedono a meccanismi di incentivazione tariffaria per differenza». Quindi tutti quelli che oltre a godere di incentivi fissi (sono esclusi i gruppi che hanno partecipato alle aste Fer con contratti a differenza che già restituiscono gri extraprofitti) portano a casa un certo margine tra i costi di produzione molto bassi e i prezzi di vendita legati al mercato spot del gas, del tutto impazzito da mesi. Basti pensare che chi produce da idroelettrico paga 5 euro a megawattora e che il prezzo di vendita a dicembre è stato di 240 euro contro i 20 di un anno fa.

 

 

 

L’EFFETTO TRADING

Si capisce bene perché già nel week-end le società energetiche si sono messe a lavoro per capire quanto e se il decreto toccherà il business “di casa”. Allora Enel già da tempo si è chiamata fuori dalla lotteria del gas, come l’ha definita lo stesso ad, Francesco Starace. Il primo gruppo idroelettrico del Paese produce 18 terawattora di energia ma «non ha fatto extraprofitti», perché l’energia che la società vende sul mercato libero «ha prezzi fissati due o tre anni prima». Poi c’è A2A con una produzione di 4,5 terawattora (per circa la metà a lungo termine) e Iren con altro 1,4 terawattora. Il resto del mercato, 40 terawattora in tutto secondo le stime del ministro della transizione ecologica, Roberto Cingolani, è fatto dalle piccole utility del Nord che sfruttano i bacini pieni di acqua tra le montagne. Passando al fotovoltaico con incentivi fissi che pesa per 6 miliardi sulle bollette, circa la metà è rivenduto dal Gse sul mercato a prezzi spot, quindi stellari. E allora tra le rinnovabili più esposte al solare, secondo gli analisti, c’è Erg. Ma anche la società, a quanto pare, ha già venduto a lungo termine. Poi ci sono Edison (per l’idroelettrico) e Alerion (per l’eolico), tutte intente anche loro a fare i conti. Da parte sua, Italia Solare si era detta favore di una misura sugli extra utili, ma a patto che il tetto al prezzo non fosse troppo basso, e cioé inferiore a 100 euro per MWh. 

 

 


Tra chi si tira fuori e chi deve fare bene i conti anche con l’Arera, è difficile quindi fare delle stime su quanto si può ricavare davvero. Nomisma Energia stima oltre 4 miliardi. E lo stesso Cingolani aveva anticipato che dai vari strumenti per sganciare le rinnovabili dai prezzi del gas di potevano ricavare tra i 4 e i 5 miliardi. Numeri ora tutti da rivedere. Soprattutto perché non sono esclusi ricorsi delle società interessate. E magari emergerà anche che a fare i maggiori profitti sono stati i trader, oppure gli intermediari che vendono l’energia a prezzi spot dopo aver acquistata a prezzi predefiniti, a lungo termine dalle società energetiche. Anche per questo Confindustria ha già chiesto all’Arera un’indagine ad hoc.

 

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Diretta Lazio-Verona 2-2, biancocelesti rimontano dopo essere andati sotto di 2 gol
Mbappè resta al Psg, ma è polemica sul triennale faraonico. La Liga: «Insulto al calcio»
GP Spagna, qualifica: sensazionale pole di Leclerc dopo un testacoda, Sainz è terzo
Joe Biden, Zuckerberg e Freeman (ma non Trump) I 963 cittadini Usa messi al bando dalla Russia
Mosca, ipotesi scambio soldati Azov e oligarca Medvedchuk. Draghi a Zelensky: impegno dell'Italia